Guida ai comandi da terminale - Gestione utenti e gruppi

Da Guide@Debianizzati.Org.

Guida ai comandi da terminale

Sommario

  1. Gestione utenti e gruppi
  2. Gestione di repository e pacchetti
  3. Operazioni con programmi non presenti nei repository
  4. Gestione di file e directory
  5. Compiere operazioni con sudo
  6. Gestione del sistema
  7. Gestione del File System
  8. Gestione dell'hardware
  9. Varie e approfondimenti

Indice

Definizione di root e differenze con il normale utente

Cos’è root?
Nei sistemi operativi di tipo Unix si indica tradizionalmente con root l’utente dotato di massimi privilegi, cioè l’amministratore di sistema, detto anche super utente o superuser.

L’utente root, essendo l'unico in GNU/Linux Debian con UID (User ID) uguale a 0, può fare tutto ciò che desidera sul sistema: questo può essere sia un vantaggio sia uno svantaggio nello stesso momento. Viene infatti universalmente ritenuto pericoloso compiere le normali sessioni di lavoro in qualità di root: agire come utente normale e come utente root solo per amministrazione del sistema permette di minimizzare il rischio di effettuare operazioni pericolose come cancellare file essenziali per il sistema operativo.

Root secondo le impostazioni di default è abilitato nel sistema, ma se non lo fosse l'unico modo per ottenere i privilegi di amministrazione sarebbe tramite sudo.

Accesso come root

Con le impostazioni di default, per poter accedere come utente root nel sistema, ed avere quindi la possibilità di svolgere ogni operazione, basterà digitare da terminale:

su -

Verrà richiesta la password di root e sarà eseguito l’accesso.
Noterete che il prompt del terminale è cambiato, passando da:

$

(che identifica un utente normale)
a:

#

(che identifica l'utente root)

D'ora in poi il prompt sarà riportato prima dei comandi per indicare se sono eseguiti con privilegi di amministrazione.

Si tenga presente che alcune shell meno diffuse su GNU/Linux, come zsh, possono utilizzare il simbolo % al posto di $ per indicare un utente senza privilegi. È in genere una convenzione adottata dalle shell utilizzate di default nei sistemi Unix BSD e derivati.

Disconnessione da root

(per tornare utente con permessi normali sulla stessa finestra di terminale)
Se siete diventati root in una finestra di terminale, e volete tornare user senza chiudere la finestra o aprirne un’altra, basterà digitare:

exit

Il comando exit può servire anche per chiudere la finestra del terminale. È possibile anche premere Ctrl-d.

Creazione di un nuovo utente

Per creare un nuovo utente da terminale, è sufficiente diventare root, e digitare il comando:

# adduser nomeutente

Al posto di “nomeutente”, naturalmente, va scritto il nome dell’utente che volete creare. Saranno richieste la password che si vuole assegnare all’utente, e in più altre piccole informazioni facoltative , come Nome Completo, Stanza N° (?!), Numeri telefonici.

Disabilitare l'account di un utente

Per disabilitare l'account di un utente, impedendone l'acceso, è sufficiente farne scadere la validità con:

# usermod --lock --expiredate 1 nomeutente

Dove “nomeutente” deve essere sostituito con il nome dell’utente che si vuole bloccare. Si noti che il valore 1 è necessario, o in alternativa una data precedente a quella attuale in formato AAAA-MM-GG.

Utilizzare --lock senza --expiredate bloccherebbe soltanto la password, ma potrebbe permettere l'accesso, se sono predisposti altri metodi (per esempio via chiavi con SSH o via token con PAM USB).

Riattivare un account disabilitato

Per riattivare l'account di un utente, precedentemente disabilitato, basta non usare nessun argomento con l'opzione expiredate:

# usermod --unlock --expiredate "" nomeutente

Dove “nomeutente” è il nome dell’utente che era stato bloccato. Al posto di "", per riabilitare l'account, si può anche inserire in formato AAAA-MM-GG una nuova data di scadenza per l'account.

Cancellazione di un utente

Per cancellare un utente registrato nel sistema, aperto il terminale e fatto accesso come utenti root, si digiti:

# deluser nomeutente

Dove “nomeutente” deve essere sostituito con il nome dell’utente che si vuole cancellare. Non sono richiesti altri comandi o informazioni e l’operazione avverrà in meno di un secondo.

Modifica della password di un utente

Per la modifica da terminale della password di un utente si utilizza il comando passwd. Facciamo login come utente root e diamo il comando:

# passwd nomeutente

mettendo il nome dell’utente a cui vogliamo settare la password al posto di “nomeutente”. Con questo metodo è possibile cambiare non solo le password degli utenti, ma anche quella di root.

Gruppi di sistema

La lista di tutti i gruppi di sistema si può ricavare dal file /etc/group :

$ cat /etc/group

Gruppi a cui appartiene un utente

Per visualizzare i gruppi a cui appartiene un utente:

$ groups

questo mostra i gruppi a cui appartiene l'utente che esegue il comando.
Per visualizzare i gruppi a cui appartiene un altro utente:

$ groups nomeutente

con cui verranno visualizzati i gruppi a cui appartiene "nomeutente".

Aggiungere o rimuovere un utente da un gruppo

Per aggiungere un utente ad un gruppo:

# adduser nomeutente nomegruppo

Ad esempio il comando:

# adduser pippo floppy

aggiungerà l'utente "pippo" al gruppo "floppy".

Analogamente al comando precedente, per rimuovere un utente da un gruppo:

# deluser nomeutente nomegruppo

In entrambi i casi i comandi richiedono i permessi di "root" e sarà necessario eseguire un logout/login per rendere effettivi i cambiamenti.

Cercare i file che appartengono ad un utente/gruppo

Questa ricerca, attraverso il comando find, si può eseguire facilmente utilizzando le opzioni "-group" o "-user".

Si noti che i comandi potrebbero necessitare di essere eseguiti con i permessi di root affinché la ricerca sia estesa anche a quelle directory normalmente non accessibili ad un normale utente.

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti