Manovrare X da remoto

Da Guide@Debianizzati.Org.

Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Debian 7 "Wheezy"
Debian 8 "Jessie"
Verificala con Stretch

Indice

Introduzione

Nelle distribuzioni GNU/Linux e in generale nei sistemi UNIX e Unix-like l'interfaccia grafica (GUI) non è parte del kernel ma gestita da un programma a parte: l' X window system o semplicemente server X, di cui Xorg rappresenta l'implementazione attualmente più diffusa.

Le richieste dai client X di gestire le finestre avvengono di solito localmente, ma nulla impedisce di gestire le finestre attraverso la rete, permettendo a utenti remoti di effettuare il login sul display manager (xdm, gdm, kdm, lightdm, ecc...) per accedere al server X locale attraverso XDMCP (X Display Manager Control Protocol).

Per semplicità di configurazione, e per la stabilità dimostrata attraverso i passaggi di versione di Debian, in questa guida si considera unicamente xdm.

Warning.png ATTENZIONE
Ogni comunicazione da e verso il server X avverrebbe in chiaro, e sarebbe pertanto manipolabile e/o ascoltabile sulla rete. Questo rappresenta un enorme rischio per la sicurezza del sistema!

Se è possibile, si raccomanda caldamente invece di configurare una connessione SSH e di abilitare l'X11 forwarding per avviare un'applicazione grafica o anche un'intera sessione.


Lato server

Installazione

Con privilegi di amministrazione è necessario installare xdm, oltre ovviamente al server Xorg, se ancora non presente nella macchina che farà da server. Per esempio con apt-get basta:

# apt-get install xdm xorg

Configurazione di xdm

Sempre con privilegi di amministrazione, è sufficiente modificare i file di configurazione indicati in questa sezione con un editor di testo, per esempio nano:

# nano /etc/X11/xdm/xdm-config

In /etc/X11/xdm/xdm-config commenta:

DisplayManager.requestPort:   0

che diventa:

!DisplayManager.requestPort:   0

Salva il file (con nano premi Ctrl-o e per uscire Ctrl-x).

In modo analogo, apri il file /etc/X11/xdm/Xaccess e togli il comento a:

#*         #any host can get a login window

che diventerà:

  
*         #any host can get a login window

Al posto di * è possibile anche specificare, uno a uno, gli host da cui si intende accettare la connessione, anche con uso di pattern. Per esempio basta scrivere (al posto di *):

192.168.0.*

per accettare connessioni dagli host appartenenti alla rete 192.168.0.0/24, ossia tutti gli indirizzi compresi da 192.168.0.1 a 192.168.0.254. Sono permessi anche hostname, per esempio se definiti in /etc/hosts, e l'uso di indirizzi multicast a cui limitare l'ascolto. Per maggiori informazioni si consultino gli esempi scritti nel file.

Per finire è necessario specificare di restare in ascolto sulla porta TCP, modificando il file /etc/X11/xdm/Xservers:

:0 local /usr/bin/X :0 vt8 -nolisten tcp

che diventerà:

:0 local /usr/bin/X :0 vt8

dove:

È possibile anche specificare più linee, se si intendono avviare più server X simultaneamente. In tal caso è consigliabile lasciare l'opzione -nolisten tcp su quelli per cui non è previsto l'accesso remoto, come misura di sicurezza.

Warning.png ATTENZIONE
Si ricorda nuovamente che, anche se l'accesso deve essere autenticato, la comunicazione non è criptata. Per cui chiunque nella rete potrebbe ascoltare le credenziali di accesso e il suo uso è altamente sconsigliato al di fuori della LAN, e anche in questo caso esclusivamente se tutti gli host e gli utenti connessi alla LAN possono sempre essere considerati fidati.


Per rendere effettive le modifiche, è necessario riavviare il display manager:

# service xdm restart

e questo conclude la configurazione lato server. xdm resterà in ascolto sulla porta 177 del protocollo UDP per ricevere richieste di autenticazione, secondo il protocollo XDMCP, dagli host specificati nel file Xaccess. Il server Xorg resta invece in ascolto sulla porta 6000 del protocollo TCP e successive, in base al display utilizzato, e permetterà l'accesso soltanto previa autenticazione, di default in base alla conoscenza di una sequenza casuale generata in precedenza: il magic cookie (per maggiori informazioni si rimanda alla lettura del manuale di xauth), comunicato da xdm per permettere l'autenticazione.

Lato client

Installazione

È necessario il solo pacchetto xorg, per cui se non fosse installato, con privilegi di amministrazione:

# apt-get install xorg

Utilizzo

Se l'indirizzo IP del server è 192.168.0.2, dal client sarà sufficiente il comando:

# X -query 192.168.0.2 :0 vt8

per connettersi a xdm sulla macchina server. Si noti che il display e il terminale virtuale non devono combaciare per forza con quelli scelti sul server, l'unica cosa importante è che siano entrambi liberi sul client, in maniera analoga a quanto visto in precedenza per il server.

In alternativa, se si è nella stessa rete locale del server, è anche possibile:

# X -broadcast :0 vt8

per mandare il messaggio di richiesta in broadcast (ossia a tutti gli host della rete), per effettuare la connessione al server X del primo host che risponde.

Si visualizzerà xdm in esecuzione sul server, che si potrà utilizzare per autenticarsi, utilizzando le credenziali di accesso di un utente che ha accesso alla macchina remota.

Si avrà così accesso a un'intera sessione grafica, anche se con qualche limitazione di performance. Si noti infatti che il protocollo X11 trasmetterà tutto lo schermo, comprese le aree non necessarie perché non cambiate: non c'è una cache né alcun tipo di funzionalità "trasmetto solo cosa è cambiato".

Link




Guida scritta da: HAL 9000 15:39, 12 dic 2015 (CET)
(guida originariamente scritta da MaXeR)

Swirl-auth20.png Debianized 20%

Estesa da:
Verificata da:

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti