Gdebi

Da Guide@Debianizzati.Org.

APT
Arrow left.png

Gestori di pacchetti

Comandi utili

Configurazione del sistema

Altro



Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Debian 7 "Wheezy"
Debian 8 "Jessie"
Debian 9 "Stretch"
Debian testing "Buster"
Debian "Sid"

Indice

Introduzione

Gdebi è un programma pensato per l'installazione di un pacchetto deb, che si occupa di soddisfarne prima le dipendenze in modo automatico tramite APT, contrariamente a dpkg, che si occupa soltanto di singoli pacchetti e che opera a un livello inferiore di APT.

È un'alternativa più sicura e consigliata a:

# dpkg -i nomepacchetto.deb
# apt-get -f install

(dove -f è la forma abbreviata dell'opzione --fix-broken)

Si noti infatti che il primo comando aggiunge, potenzialmente, un pacchetto "rotto" (broken) ossia con dipendenze non soddisfatte, che saranno sistemate soltanto dal comando successivo, che però potrebbe anche fallire se per qualche motivo non riesce a soddisfarle. Il sistema con dpkg può restare in uno stato incoerente, e il suo uso è pertanto sconsigliato in favore di gdebi, che è in grado di segnalare eventuali errori o l'impossibilità di effettuare l'installazione prima di alterare lo stato del sistema.

È disponibile con due interfacce: a linea di comando e grafica.

Installazione

L'installazione è necessaria solo se non è presente nel sistema. Infatti gdebi è raccomandato dai principali Desktop Environment e potrebbe essere già presente.

Di seguito si propongono due possibilità, a seconda che si consideri sufficiente l'interfaccia a linea di comando o si voglia anche l'interfaccia grafica.

Minimale (a linea di comando)

È sufficiente installare il pacchetto gdebi-core.

Per esempio con apt-get e privilegi di amministrazione basta:

# apt-get install gdebi-core

Interfaccia grafica

È necessario installare il pacchetto gdebi, che tra le proprie dipendenze ha anche gdebi-core.

Per esempio con apt-get:

# apt-get install gdebi

L'utilizzo è intuitivo e integrato nei principali Desktop Environment, e in genere è sufficiente cliccare su un pacchetto deb per effettuarne l'installazione con gdebi.

Di seguito è trattato soltanto l'uso dell'interfaccia a linea di comando, sempre presente anche se si installa l'interfaccia grafica.

Utilizzo

Warning.png ATTENZIONE
Installare pacchetti Debian può compromettere la sicurezza dell'intero sistema, essendo necessari i privilegi di amministrazione.

È necessario per software non presente nei repository, ma si ricordi che nessun controllo è effettuato dal sistema sulla loro autenticità e su eventuali falle di sicurezza introdotte, come invece per il software installato tramite APT. Quindi bisogna accertarsi della loro provenienza e che siano autentici, prima di procedere alla loro installazione.

Resta il fatto che il software installato in questo modo non sarà aggiornato automaticamente da APT, l'unico vantaggio sarà nel permetterne la rimozione sicura con gli strumenti del sistema. L'utente che ha installato il pacchetto dovrà occuparsi di controllare l'esistenza di aggiornamenti, e poi installarli.


Qualunque installazione si sia intrapresa è sempre possibile utilizzare gdebi da linea di comando.

Dopo essersi posti nella stessa directory di un pacchetto deb, per esempio nomepacchetto.deb, è possibile installarlo con privilegi di amministrazione:

# gdebi nomepacchetto.deb

È comunque consigliabile prima controllare il contenuto del pacchetto con dpkg. Per esempio con:

$ dpkg --info nomepacchetto.deb

Ed è possibile anche effettuare un'installazione simulata, per controllare le operazioni che saranno eseguite con APT, con:

$ gdebi --apt-line nomepacchetto.deb

Per altre opzioni si rimanda alla pagina di manuale (man gdebi).

Con una reale installazione del pacchetto verranno installate in automatico tutte le dipendenze del pacchetto tramite APT, e poi il pacchetto sarà installato e registrato nel sistema. Ciò significa che, in maniera analoga all'installazione tramite dpkg (che però non si occupa delle dipendenze), sarà poi possibile rimuoverlo con gli strumenti standard di Debian.

Per esempio per rimuovere il pacchetto installato, supponendo che il software installato si chiami nomepacchetto, è sufficiente con privilegi di amministrazione:

# apt-get remove nomepacchetto

Si noti che per rimuoverlo l'estensione .deb non è usata, e in genere non va scritta nemmeno la versione.




Guida scritta da: HAL 9000 14:28, 27 giu 2017 (CEST)

Swirl-auth20.png Debianized 20%

Estesa da:
Verificata da:

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti