Ssh e autenticazione tramite chiavi

Da Guide@Debianizzati.Org.

Debian-swirl.pngVersioni compatibili

Tutte le versioni supportate di Debian

Indice

Introduzione

Quando ci si deve connettere molto spesso ad un server (o a molti server) tramite SSH, può essere tedioso dover inserire ogni volta la password.

Un modo sicuro per aggirare questo problema è basato sull'autenticazione tramite una coppia di chiavi (privata e pubblica).

Il concetto alla base di questo sistema di autenticazione è semplice: si demanda il compito di verificare i dati di autenticazione direttamente alle chiavi ssh, rimuovendo la richiesta della password (meno volte viene digitata, più è difficile che qualche utente male intenzionato la riesca a capire) che viene, eventualmente, sostituita dalla richiesta di una passphrase di sblocco della chiave.

Configurazione

Generazione delle chiavi

Per poter gestire questo processo di autenticazione è necessario generare una coppia di chiavi (pubblica e privata). Il comando è semplice:

$ ssh-keygen 

Si può voler scegliere una lunghezza maggiore (default 2048) con

$ ssh-keygen -b 4096

L'uso dell'opzione -t per indicare il tipo di chiave è fortemente sconsigliato.

Durante la generazione delle chiavi ci viene chiesto dove salvarle (normalmente è ~/.ssh/id_rsa): il valore di default va bene.

Per quanto riguarda la passphrase richiesta, sempre durante la generazione delle chiavi, ci sono due opzioni, entrambe con pregi e difetti:

In realtà questo discorso può valere in caso di utilizzo non interattivo come ad esempio in uno script, negli altri casi si può ricorrere a ssh-agent per mantenere in cache la passphrase per la sessione corrente:

$ ssh-add ~/.ssh/id_rsa

Copia manuale della chiave pubblica

La chiave privata, come illustrato nel funzionamento, viene utilizzato dal computer che richiede la connessione (client), mentre quella pubblica deve essere salvata sul computer al quale connettersi (server).

Prendiamo, ad esempio, la seguente chiave pubblica (contenuta nel file ~/.ssh/id_rsa.pub presente sul client):

ssh-rsa AAAAB3NzaC1kc3MAAACBAPe/PbwWkXR7qI8hcbxLRUS0/fIul0eUiSvu/hnXZXZDIZjVi1VlIbipff6n7Z6vF0hJRg6l
[cut]
gjLLTka0/QF8SP4JYFKs0Iasdju6y1slmx9IdzQt+hvMqF2+PPchCWcyBP3S5Zje4T6Az1MgrvuwCXIW6oUZXCA== user@host

Copiamo il contenuto nel file ~/.ssh/authorized_keys presente sul server, nella home relativa all'utente usato su quella macchina e salviamo il file.

Copia automatica della chiave pubblica

Alternativamente, è possibile usare lo script ssh-copy-id in questo modo dal client:

$ ssh-copy-id -i ~/.ssh/id_rsa.pub utente@server

oppure ancora utilizzando scp:

$ scp -P <porta> ~/.ssh/id_rsa.pub <username>@<ip del server>:~/.ssh/authorized_keys

I permessi sulla directory remota ~/.ssh devono essere settati a:

drwxr-xr-x 2 utente utente  4096 30 dic 00:31 .ssh

mentre sul file ~/.ssh/authorized_keys:

-rw-r--r-- 1 utente utente  610 30 dic 00:17 authorized_keys

Configurazione del server

Sul server, in cui deve essere già presente un'installazione di base funzionante di SSH, aggiornate il file /etc/ssh/sshd_config e settate i campi:

HostbasedAuthentication yes
RSAAuthentication yes
PubkeyAuthentication yes

Riavviate il servizio:

# /etc/init.d/ssh restart
e verificate di essere in grado di autenticarvi tramite chiave:
$ ssh utente@server
Info.png
Consiglio:
se non volete permettere il login tramite password, ma solo attraverso public key, settate anche le opzioni:
ChallengeResponseAuthentication no
PasswordAuthentication no
UsePAM no

Da non usare se avete utilizzato una passphrase nella generazione della chiave.


Attenzione: in caso di autenticazione tramite chiavi, nel file di configurazione del server non va utilizzata la direttiva AllowUsers.

Per un'installazione di base di SSH si veda ad esempio la guida OpenSSH: configurazione di base.

Test di funzionamento

Se tutto è stato eseguito correttamente, sarà possibile connettersi al server tramite un semplice:

$ ssh utente@server

Se è stata inserita, durante la generazione delle chiavi, una passphrase, sarà necessario usarla per completare il processo di autenticazione, altrimenti apparirà direttamente il prompt della macchina remota.

Approfondimenti




Guida scritta da: MaXeR

Swirl-auth20.png Debianized 20%

Verificata da:
Estesa da:

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti