Bash scripting - caratteri di escape

Da Guide@Debianizzati.Org.

Bash scripting

Sommario

  1. Introduzione
  2. Comandi essenziali
  3. Variabili (stringhe)
  4. Caratteri di escape, apici e virgolette
  5. Espansioni in stringhe quotate
  6. Espansioni non quotabili
  7. Istruzioni composte
  8. Funzioni
  9. File descriptor e redirezioni
  10. Segnali

Indice

Alcuni caratteri hanno un valore speciale per la shell, per consentire le espansioni o determinati costrutti. Di conseguenza se si intende scrivere il carattere per il suo valore letterale, è necessario comunicarlo alla shell facendolo precedere da un carattere di escape \ oppure racchiudendolo tra apici o virgolette.

Una stringa non racchiusa tra apici o tra virgolette ha i seguenti caratteri speciali: $ ' ` " \ { } [ ] * ? ~ & ; ( ) < > | #
In determinate circostanze, se non preceduti dal carattere di escape \, possono essere: espansi, eseguiti in background, considerati parte di un nuovo comando, trattati come redirezioni e perfino come commenti. Questa sezione non è esaustiva e non considera tutte le eccezioni, ma consiglia degli accorgimenti che si possono sempre seguire per ridurre il numero di caratteri speciali.

Inoltre gli spazi (comprese le tabulazioni) non quotati con apici o virgolette, e non preceduti dal carattere di escape \, vengono compressi e ciò che è scritto prima o dopo è interpretato come appartenente a stringhe diverse.

Per esempio:

printf %s\\n parola1; parola2      # ERRORE: parola2 è considerata un altro comando!
printf %s\\n "parola1; parola2"    # corretto
printf %s\\n parola1     parola2   # ERRORE: niente spazi e su due righe diverse!
printf %s\\n "parola1     parola2" # corretto

# con una variabile
var="parola1     parola2"          # assegno la stringa alla variabile
printf %s\\n $var                  # ERRORE: stampa le parole su due linee diverse
printf %s\\n "$var"                # stampo la stringa così com'è scritta

Il carattere di escape \ prima di un "a capo", anche se quotato (tra virgolette), ha un significato speciale che consente di scrivere un comando su più righe, trattando ogni riga preceduta da \ come una continuazione della precedente:

# stampa tutto su una riga
printf %s\\n "testo su \
più \
righe"

# stampa su più righe
printf %s\\n "testo su
più
righe"

Racchiudere tra apici

Con gli apici (apostrofi) si riducono i caratteri speciali a uno soltanto, lo stesso apice, rappresentando la stringa per il suo solo valore letterale e impedendo tutte le espansioni:

printf %s\\n '$PATH "" \ `ls ..` \$HOME ~ * .[a-z]*'  # stampa la stringa tra apici, letteralmente

Lo svantaggio è che non esiste un carattere di escape:

printf %s\\n 'L'\''albero di... ' # stampa "L'albero di..." (un apice non può essere racchiuso tra apici)

Racchiudere tra $'...'

Con bash (non POSIX) una stringa racchiusa tra $'...' non può essere espansa in nessun modo, come se fosse racchiusa tra apici. Il carattere \ resta un carattere di escape, quindi è possibile inserire un apice nella stringa facendolo precedere da \ e dev'essere preceduto dal carattere di escape anche ogni \ da stampare letteralmente.

Un carattere \ non preceduto da escape permette di stampare caratteri di escape, con la stessa sintassi del formato di printf (quando racchiuso tra apici):

Per esempio:

printf %s\\n $'stringa'         # stampa la stringa
printf %s $'stringa\n'          # equivalente: il carattere "a capo" ora è nella stringa
printf %s $'$PATH "" `ls ..`\n' # nessuna espansione
printf %s $'~ * .[a-z]*\n'      # nessuna espansione
printf %s $'{a,b,c} $((2*2))\n' # nessuna espansione
printf %s $'escape: \\\n'       # per stampare un \ dev'essere preceduto da \
printf %s $'L\'albero di...\n'  # stampa "L'albero di..." (l'apice può essere stampato con escape)

È un metodo molto meno diffuso rispetto a racchiudere tra apici e virgolette, perché non derivato da sh (POSIX). È in genere sconsigliabile utilizzarlo, se non per assegnare caratteri di escape (a capo o tabulazioni) a una variabile.

Quotare (tra virgolette)

Racchiudere tra virgolette ogni stringa è raccomandabile, anche se non sempre necessario, così da ridurre il numero di caratteri speciali a cui pensare, permettendo allo stesso tempo l'espansione sicura delle variabili e dei comandi. I soli caratteri speciali rimasti sono $, ` (ma non l'apice), " e \, che devono essere preceduti dal carattere di escape \.

All'interno di una stringa quotata tutte le espansioni che non sono attivabili da $ non sono permesse. Sono possibili soltanto le espansioni di variabile/parametro, di comando e aritmetiche.

Per esempio:

printf %s\\n "$PATH"       # espande la variabile PATH e ne stampa il contenuto
printf %s\\n "\$HOME"      # stampa letteralmente $HOME, senza espanderla (è equivalente a '$HOME')
printf %s\\n "\"\" \\"     # è equivalente a '"" \'
printf %s\\n "$(ls ..)"    # Esegue il comando "ls .." e ne stampa l'output
printf %s\\n "$((2*2))"    # Esegue l'espressione aritmetica e stampa 4
printf %s\\n "~ * .[a-z]*" # non effettua le espansioni di tilde e percorso, ma stampa letteralmente
printf %s\\n "p{a,b,c}s"   # niente espansioni
Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti