Old:Installazione e configurazione di Apache, PHP e Oracle

Da Guide@Debianizzati.Org.

Emblem-important.png Attenzione. Questa guida è obsoleta. Viene mantenuta sul Wiki solo per motivi di natura storica e didattica.

Indice

Introduzione

In genere si sente spesso parlare di LAMP (Linux, Apache, MySQL e PHP), con riferimento alla famosa e diffusa piattaforma open per lo sviluppo di applicazioni web based (per informazioni complete e dettagliate sull'impostazione di un sistema LAMP vi invito a leggere la guida, presente su questo sito, LAMP: Linux, Apache, MySQL e PHP). In questa guida, invece, vorrei proporvi una variante di tale piattaforma in cui il DBMS MySQL viene sostituito da Oracle Server 10g Express Edition, una versione free del più blasonato DBMS commerciale, disponibile anche per il pinguino, seppur con alcune limitazioni di cui parlerò in seguito. In questa guida si focalizzerà l'attenzione sull'installazione e la configurazione di Apache, PHP ed Oracle Database Server 10g XE e sulle modalità di interazione tra questi software, in modo tale da disporre di una piattaforma completa per lo sviluppo di applicazione web-based. Tutti i passaggi indicati in questa guida sono stati eseguiti su un sistema Debian GNU/Linux 4.0 R3 Netinst. Buona lettura!

Oracle Database Server 10g XE

Installazione

Sul sito di Oracle Corp., previa procedura di registrazione, sono disponibili i pacchetti per Debian, Ubuntu, Suse Novell, Red Hat/Fedora e Mandriva di Oracle Database Server 10g XE con una serie di limitazioni rispetto alla versione a pagamento:

Limitazioni a parte, Oracle Database Server 10g XE resta, a mio avviso, un buon prodotto utilizzato con successo, ad esempio, da varie università sul territorio italiano. Una volta effettuato il download del pacchetto, l'installazione di Oracle Database Server 10g XE si riduce al seguente comando:

# dpkg –i oracle-xe-10.2.0.1-1.0.deb

L'installazione di Oracle Database Server 10g XE richiede la presenza di alcuni pacchetti che vanno installati a parte, se non presenti con il seguente comando:

# apt-get install bc libaio1 libxml2 libxml2-dev libxml2-utils python-libxml2

Configurazione

Al termine dell'installazione, bisogna configurare opportunamente Oracle Database Server 10g XE lanciando lo script oracle-xe con l'opzione “configure”. Tale script si trova nella directory /etc/init.d/ e va eseguito sempre con i privilegi di root. Lo script in questione richiede interattivamente all'utente di fornire una serie di informazioni per eseguire Oracle Database Server 10g XE tra cui:

Impostazione delle variabili d’ambiente di Oracle Server 10g XE

Al termine dell'installazione di Oracle Server 10g XE è necessario settare le variabili d'ambiente indispensabili per il funzionamento di tool come, ad esempio, SQL*Plus, utilizzato per le classiche operazioni di gestione del database come inserimenti, modifiche, cancellazioni, consultazioni di dati e così via. Per procedere in questo senso, è sufficiente lanciare uno script di configurazione delle variabili d’ambiente di Oracle Database Server 10g XE, disponibile in due distinte versioni dipendentemente dalla shell in uso. I due script si trovano nella directory /usr/lib/oracle/xe/app/oracle/product/10.2.0/server/bin/ e sono:

Lo script oracle_env.sh, si occupa di impostare una serie di variabili d'ambiente tra cui:

Warning.png ATTENZIONE
Va ricordato che riavviando il computer, i settaggi impostati con lo script oracle_env.sh vengono persi, perciò è buona norma inserire la stringa:
/usr/lib/oracle/xe/app/oracle/product/10.2.0/server/bin/oracle_env.sh

all’interno del file .bash_profile; inoltre, per poter mantenere le stesse impostazioni all’apertura di ogni nuova shell durante la sessione corrente, è conveniente aggiungere l'istruzione precedente anche all’interno del file .bashrc.


Bene, l'installazione e la configurazione di Oracle Database Server 10g XE sono complete! Per assicurarsi che Oracle sia partito correttamente, è possibile lanciare il comando seguente:

# /etc/init.d/oracle-xe status

LSNRCTL for Linux: Version 10.2.0.1.0 - Beta on 14-FEB-2007 10:14:01
Copyright (c) 1991, 2005, Oracle. All rights reserved.
Connecting to (DESCRIPTION=(ADDRESS=(PROTOCOL=TCP)(HOST=localhost)(PORT=1521)))
STATUS of the LISTENER
————————
Alias LISTENER
Version TNSLSNR for Linux: Version 10.2.0.1.0 - Beta
Start Date 14-FEB-2007 10:13:44
Uptime 0 days 0 hr. 0 min. 17 sec
Trace Level off
Security ON: Local OS Authentication
SNMP OFF
Default Service XE
Listener Parameter File /usr/lib/oracle/xe/app/oracle/product/10.2.0/server/network/admin/listener.ora
Listener Log File /usr/lib/oracle/xe/app/oracle/product/10.2.0/server/network/log/listener.log
Listening Endpoints Summary…
(DESCRIPTION=(ADDRESS=(PROTOCOL=tcp)(HOST=localhost)(PORT=1521)))
Services Summary…
Service “PLSExtProc” has 1 instance(s).
Instance “PLSExtProc”, status UNKNOWN, has 1 handler(s) for this service…
The command completed successfully

Come si può notare dall'output dello script, il listener Oracle ha un'istanza attiva sulla porta 1521, come stabilito in fase di configurazione.

Apache e PHP

Il secondo passo consiste nell'installazione e configurazione di Apache e PHP con supporto al DBMS Oracle. È possibile installare il web server Apache e il linguaggio di scripting serverside PHP tramite i pacchetti forniti dalla propria distribuzione, oppure ricompilare il tutto da sorgenti. La possibilità di compilare questi due software da sorgenti consente di scegliere autonomamente le opzioni di compilazione più adatte alle proprie necessità (ad esempio, il supporto per Oracle, oppure per MySQL, per LDAP, per la libreria di compressione zlib e così via).

Installazione e configurazione di Apache

I comandi seguenti consentono il download, la scompattazione e la compilazione del web server Apache sulla propria Linux box:

$ wget -c http://apache.fis.uniroma2.it/httpd/httpd-2.2.3.tar.gz
# tar xzf httpd-2.2.3.tar.gz /usr/local/src/

# cd /usr/local/src/httpd-2.2.3/
# ./configure --prefix=/usr/local/apache2/
# make && make install

il parametro --prefix passato al comando configure richiede il path in cui verrà installato il web server Apache. Dalla documentazione del web server si legge che il percorso di default da indicare è /usr/local/apache2/. Le impostazioni del server web Apache risiedono nel file httpd.conf (che si trova nella directory /usr/local/apache2/conf/ nel caso sia stata effettuata l'installazione da sorgenti); tale file può essere modificato, disponendo dei privilegi di root, con un qualsiasi editor di testi. Le direttive da impostare nel file httpd.conf per ottenere un funzionamento minimale del web server Apache sono:

Una volta salvate le modifiche apportate al file httpd.conf, si può far partire Apache con il comando:

# /usr/local/apache2/bin/apachectl start

quindi, puntando il proprio browser web all'indirizzo specificato anche con la direttiva ServerName precedentemente citata, si dovrebbe poter visualizzare la pagina di benvenuto di Apache.

Installazione e configurazione di PHP

PHP è un linguaggio di scripting serverside che consente di integrare il codice HTML al fine di realizzare pagine web dinamiche, ossia il cui contenuto varia in base alle azioni intraprese dagli utenti. Poiché lo scopo di questa guida è quello di realizzare un server web in grado di interagire con una base di dati Oracle, è necessario che PHP disponga del supporto per tale DBMS. Ancora una volta, per poter abilitare esclusivamente le funzionalità richieste di PHP, si è optato per la compilazione dei sorgenti di questo software.

$ wget -c http://it2.php.net/get/php5.1.6.tar.gz/from/it.php.net/mirror
# tar xzf php-5.1.6.tar.gz /usr/local/src/
# cd /usr/local/src/php5.1.6/

# ./configure --prefix=/usr/local/php \
--with-apxs2=/usr/local/apache2/bin/apxs \
--with-config-file-path=/usr/local/apache2/conf \
--with-oci8=/usr/lib/oracle/xe/app/oracle/product/10.2.0/server \
--enable-sigchild \
--without-mysql

# make && make install

Come si può notare dal codice precedente, il comando configure è seguito da una serie di opzioni da attivare nella successiva fase di compilazione:

Il parametro --with-oci8 richiede di specificare il percorso, sul filesystem locale, dell'installazione di Oracle Database Server, se tale installazione è stata effettuata sullo stesso server fisico di Apache e PHP. Se, invece, web server e db server risiedono su due macchine distinte, come spesso accade, allora sulla macchina che funge da server web deve essere installato l'Oracle Instant Client. I passi da seguire per installare tale software sono molto semplici:

# mkdir /usr/local/src/instantclient
# cd /usr/local/src/instantclient
# unzip instantclient-basic-linux32-10.2.0.1-20050713.zip
# unzip instantclient-sdk-linux32-10.2.0.1-20050713.zip
ln -s libclntsh.so.10.1 libclntsh.so
ln -s libocci.so.10.1 libocci.so

La scompattazione dei due file precedenti crea una directory, contenente i file dell'Oracle Instant Client. Nel mio caso, tale directory si chiama instantclient_11/, ma il nome potrebbe differire, quindi ATTENZIONE. Il comando configure precedentemente lanciato per PHP va quindi modificato indicando, con la direttiva --with-oci8, il percorso in cui è stato installato l'Oracle Instant Client:

# ./configure --prefix=/usr/local/php \
--with-apxs2=/usr/local/apache2/bin/apxs \
--with-config-file-path=/usr/local/apache2/conf \
--with-oci8=instantclient,/usr/local/src/instantclient/instantclient_11/ \
--enable-sigchild \
--without-mysql

Per concludere l’installazione di PHP è sufficiente inserire il percorso /usr/local/php/lib/php all’interno del file php.ini, il quale deve essere successivamente copiato dalla directory dei sorgenti di PHP nella directory /usr/local/lib e in /usr/local/apache2/conf/ (se Apache è stato compilato da sorgenti). Se la compilazione di PHP è andata a buon fine, nel file httpd.conf sarà stata aggiunta in automatico la seguente stringa:

LoadModule php5_module modules/libphp5.so

Questa riga indica che Apache ha caricato il modulo per il funzionamento delle pagine web contenenti codice PHP (nella versione 5), tuttavia, per far sì che i browser web interpretino correttamente il codice PHP, è necessario modificare nuovamente il file httpd.conf di configurazione del web server Apache aggiungendo le due righe seguenti all'interno della sezione <IfModule mime_module>

<IfModule mime_module>
[...]
AddType application/x-httpd-php .php .phtml 
AddType application/x-httpd-php-source .phps
</IfModule>

Di default, PHP offre il supporto per il DBMS MySQL, mentre nel caso di questa guida esso è stato sostituito con il supporto ad Oracle. Questo richiede di modificare alcune direttive presenti nel file php.ini per rendere PHP aderente alla sintassi utilizzata da Oracle. In particolare, MySQL ed Oracle considerano il carattere apice() come delimitatore di stringhe, o di date. Se si deve memorizzare una stringa all’interno di una tabella e questa stringa contiene una o più occorrenze del carattere apice, entrambi i DBMS ritorneranno un errore a meno di non eseguiate un escape di tale carattere jolly. Questa operazione si rende, ovviamente, necessaria anche per i dati che gli utenti inseriscono, ad esempio, tramite i form di un sito e che poi andranno inseriti all’interno di un database, ma con una importante differenza: MySQL effettua l’escape del carattere apice tramite il carattere backslash (\), mentre Oracle utilizza un ulteriore apice. PHP consente l’escape del carattere apice, se presente nei dati passati tramite GET, POST o persino cookie, per mezzo delle seguenti direttive contenute nel php.ini:

; Magic quotes for incoming GET/POST/Cookie data.
magic_quotes_gpc = Off
; Magic quotes for runtime-generated data, e.g. data from SQL, from exec(), etc.
magic_quotes_runtime = Off
; Use Sybase-style magic quotes (escape ' with '' instead of ').
magic_quotes_sybase = On

Impostando magic_quotes_gpc e magic_quotes_sybase a On si ottiene l’escape del carattere apice alla maniera di Oracle, mentre se magic_quotes_sybase viene impostato a Off si ottiene l’escape alla maniera di MySQL.

PEAR

PHP mette a disposizione delle funzioni che consentono la comunicazione con una base di dati, ma esse dipendono strettamente dal tipo di DBMS con cui le pagine web scritte in PHP devono interagire. Per questo motivo è necessario servirsi del framework PEAR (PHP Extension and Application Repository), ossia un repository di package con cui è possibile estendere le funzionalità del linguaggio PHP. In particolare, il package DB, fornisce un’API che si frappone tra PHP e il DBMS sottostante, permettendo di slegare un'applicazione web dal DBMS in uso. Il vantaggio è che se dovesse rendersi necessaria una migrazione del database verso un DBMS diverso da quello attuale non vi sarà l'obbligo di modificare tutte le funzioni che PHP utilizza per interagire con la base di dati, ma solo il protocollo do comunicazione utilizzato (oci8 per Oracle, oppure mysql per MySQL, ecc).

Warning.png ATTENZIONE
Attualmente, il package DB è stato sostituito dal package MDB2 che si consiglia di utilizzare.


Configurazione di PEAR

Conclusa la configurazione di PHP, è necessario passare a quella del framework PEAR quindi, aggiungendo i pacchetti necessari per la comunicazione con una base di dati gestita tramite Oracle. Le API messe a disposizione da PEAR potranno poi essere sfruttate nelle proprie pagine PHP per slegarsi dal DBMS in uso. L'aggiunta di un pacchetto in PEAR si esegue con il comando:

pear install [nome_pacchetto]

tramite cui si può installare un package prelevandolo direttamente dai repository di PEAR. Di seguito vengono indicati i comandi necessari per installare sia il package DB, sia MDB2: Per il package DB:

# ./pear install DB

Per il nuovo package MDB2, invece:

# ./pear install MDB2 
# ./pear install pear/MDB2#oci8 
Info.png Nota Bene:
è necessario ricordarsi di includere il file DB.php, oppure MDB2.php, a seconda del pacchetto installato, all'interno delle proprie pagine PHP per poter utilizzare le funzioni messe a disposizione da questo package per l'interazione con una base di dati Oracle.

L'istruzione da utilizzare all'inizio del codice PHP è la seguente:

require_once ('MDB2.php');


Conclusioni

Bene, a questo punto disponiamo di un web server con Apache e PHP configurati per comunicare con una base di dati Oracle sottostante e il tutto in salsa open source!




Guida scritta da: Hydra 04:10, 15 Mar 2008 (CDT)

Swirl-auth20.png Debianized 20%

Estesa da:
Verificata da:

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti