Installare un server vsFTPd con utenti virtuali su MySQL

Da Guide@Debianizzati.Org.

Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Debian 5 "Lenny"
Debian 6 "Squeeze"
Debian 7 "Wheezy"
Debian 8 "Jessie"
Debian 9 "Stretch"

Indice

Introduzione

Tra i vari server FTP disponibili in Debian, VSFTPD è a mio parere quello più snello, sicuro e prestazionale; inoltre, come ulteriore garanzia, è il server FTP scelto da Red Hat e consigliato da IBM.
In questa guida vedremo come installare un server VSFPD con un backend su database MySQL. Questa configurazione si adatta ad esempio alle seguenti esigenze:

Questo è ad esempio il caso di un service provider, che vuole fornire accesso FTP ai propri utenti.

Prerequisiti

Dopo aver installato Apache (Installare un ambiente LAMP: Linux, Apache2, SSL, MySQL, PHP5 oppure Installare un ambiente LAMP: Linux, Apache2, SSL, MySQL, PHP5 - Stretch) e configurato i Virtual Host (Apache e Virtual Hosts: configurare Apache2 per ospitare più siti web) abbiamo adesso bisogno di permettere ai proprietari dei domini ospitati sui Virtual Host di accedere al loro spazio web via FTP senza causare danni agli altri Virtual Host e senza avere la possibilità di gironzolare per il nostro server.
Supponiamo quindi di avere una situazione in cui vogliamo creare due utenti virtuali, senza accesso alla console, che possano ad esempio accedere via FTP solo alle directory del loro sito web.

Installazione di VSFTPD

L'installazione di VSFTPD è semplice:

# apt-get install vsftpd libpam-mysql

VSFTPD non ha un supporto built-in per MySQL, per cui le libpam-mysql sono fondamentali per permettere a vsftpd di leggere gli utenti presenti su mysql.
Aggiungiamo anche un utente di sistema per VSFTPD, che ci servirà in seguito:

# useradd --home /home/vsftpd --gid nogroup -m --shell /bin/false vsftpd

Questo sarà l'utente di sistema con i cui permessi girerà il demone, aumentando la sicurezza del server.

Creazione di un database per VSFTPD

Il nostro demone FTP è già in funzione, ma non è ancora collegato ad alcun database MySQL. Quindi apriamo la shell di MySQL e creiamo il nostro database vsftpd, con proprietario un utente vsftpd e password ftpdpass:

# mysql -u root -p
CREATE DATABASE vsftpd;
GRANT SELECT, INSERT, UPDATE, DELETE, CREATE, DROP ON vsftpd.* TO 'vsftpd'@'localhost' IDENTIFIED BY 'ftpdpass';
GRANT SELECT, INSERT, UPDATE, DELETE, CREATE, DROP ON vsftpd.* TO 'vsftpd'@'localhost.localdomain' IDENTIFIED BY 'ftpdpass';
FLUSH PRIVILEGES;

sostituendo ovviamente la stringa ftpdpass con la password che vogliamo utilizzare.
Ora che abbiamo il database dobbiamo creare la tabella per memorizzare gli utenti virtuali del nostro server FTP. Restando sempre nella shell di MySQL diamo quindi i seguenti comandi:

USE vsftpd;
CREATE TABLE `accounts` (
`id` INT NOT NULL AUTO_INCREMENT PRIMARY KEY ,
`username` VARCHAR( 30 ) NOT NULL ,
`pass` VARCHAR( 50 ) NOT NULL ,
`homedir` VARCHAR( 900 ) NOT NULL ,
`active` int(11) NOT NULL,
UNIQUE (
`username`
)
) ENGINE = MYISAM ;
quit;

Il database è stato creato. Per la normale amministrazione del database e per la creazione degli utenti virtuali potremo d'ora in poi servirci di phpMyAdmin, se lo abbiamo installato; altrimenti dovremo continuare ad utilizzare la shell di MySQL.

Configurazione di VSFTPD

Facciamo prima di tutto una copia di backup del file originale di configurazione di VSTFPD, quindi creiamone uno personalizzato e editiamolo:

# cp /etc/vsftpd.conf /etc/vsftpd.conf_orig
# cat /dev/null > /etc/vsftpd.conf
# nano /etc/vsftpd.conf

Il nostro file di configurazione avrà come contenuto:

# Standalone server
listen=YES

# Disabilito FTP anonimo
anonymous_enable=NO
#anon_upload_enable=NO
#anon_mkdir_write_enable=NO
#anon_other_write_enable=NO

# Imposto la visualizzazione di messaggi
dirmessage_enable=YES
#force_dot_files=NO

# Certificato per FTP via SSL
rsa_cert_file=/etc/ssl/certs/vsftpd.pem


################################
# Configurazioni di base
################################

#hide_ids=YES
listen_port=21
connect_from_port_20=YES

# Abilito le porte passive
pasv_enable=YES
pasv_min_port=60000
pasv_max_port=65000
pasv_addr_resolve=YES

# Abilito utenti locali e/o virtuali
local_enable=YES
local_umask=022
max_login_fails=3
max_per_ip=4
# Senza il server sarebbe read-only
write_enable=YES

# Definisco il sistema di autenticazione
pam_service_name=vsftpd

# Imposto la directory per le configurazioni speciali sugli utenti
user_config_dir=/etc/vsftpd/user_conf

# Imposto il banner di benvenuto
ftpd_banner=EasyLAB Doc FTP Server
#force_dot_files=yes

# I file caricati hanno proprietario www-data
chown_uploads=YES
chown_username=www-data


############################
#Configuro la gabbia chroot
############################
chroot_local_user=YES
secure_chroot_dir=/var/run/vsftpd
user_sub_token=$USER
local_root=/home/vsftpd/$USER

# Mappo gli utenti verso un utente locale
virtual_use_local_privs=YES

# Attivo gli utenti virtuali
guest_enable=YES

# Ogni utente viene mappato come vsftpd
guest_username=vsftpd
nopriv_user=vsftpd


##################
#Gestione dei LOG
##################

log_ftp_protocol=YES
vsftpd_log_file=/var/log/vsftpd.log
dual_log_enable=YES
xferlog_enable=YES
xferlog_std_format=YES

L'elenco delle direttive di VSFTPD con una spiegazione dettagliata del significato è presente sul sito ufficiale: vsftpd.conf
Una delle direttive specificate in vsftpd.conf è user_config_dir, che abbiamo impostato a /etc/vsftpd/user_conf. Questo parametro dice a VSFTPD dove cercare le impostazioni specifiche per ogni utente ed è il modo più semplice per avere una home diversa per ognuno di loro, ma anche per poter avere più users con la stessa home.
Assicuriamoci quindi di creare la directory che conterrà le configurazioni specifiche:

# mkdir -p /etc/vsftpd/user_conf

Il formato dei file è molto semplice; basta creare un file con il nome utente presente nel database MySQL e inserire poche righe di testo:

dirlist_enable=YES
download_enable=YES
local_root=/var/www/sitoweb

Impostiamo i permessi corretti:

# chown -R vsftpd:www-data /var/www/sitoweb
Warning.png ATTENZIONE
Ricordarsi che da Debian Stretch 9 la directory root di Apache è diventata /var/www/html. Occorre tenerne conto quando si impostano i path degli utenti FTP


Connessione al database MySQL

Come ultima cosa dobbiamo istruire il nostro VSFTPD affinchè non cerchi gli utenti in /etc/passwd, ma nel database che abbiamo creato. Innanzitutto creiamo una copia di backup del file di configurazione, quindi ne impostiamo uno personalizzato:

# cp /etc/pam.d/vsftpd /etc/pam.d/vsftpd_orig
# cat /dev/null > /etc/pam.d/vsftpd
# nano /etc/pam.d/vsftpd

con contenuto:

auth required pam_mysql.so user=vsftpd passwd=ftpdpass host=localhost db=vsftpd table=accounts usercolumn=username passwdcolumn=pass crypt=2 verbose=1 debug=1
account required pam_mysql.so user=vsftpd passwd=ftpdpass host=localhost db=vsftpd table=accounts usercolumn=username passwdcolumn=pass crypt=2 verbose=1 debug=1

E' possibile cambiare i valori dei parametri crypt, debug e verbose a piacimento, tuttavia almeno all'inizio è preferibile avere dei log prolissi.
A causa di un baco, è necessario installare anche le librerie:

# apt-get install libgcc1 lib32gcc1 libx32gcc1 libpam-ldap

Non preoccupatevi della configurazione di libpam-ldap e lasciate tutte le impostazioni di default, a meno che non abbiate un server OpenLDAP attivo sulla macchina.
Alla fine di tutto riavviamo il nostro server:

# /etc/init.d/vsftpd restart

Creazione del primo utente virtuale

Per creare il nostro primo utente virtuale possiamo usare la shell di MySQL:

# mysql -u root -p
USE vsftpd;

Creeremo un utente chiamato testuser con password secret:

INSERT INTO accounts (username, pass, homedir) VALUES('testuser', PASSWORD('secret'), '/var/www/testuser');
quit;

Purtroppo VSFTPD non crea la home directory automaticamente; dobbiamo quindi crearla a mano e impostare i permessi corretti:

# mkdir /home/vsftpd/testuser
# chown vsftpd:nogroup /home/vsftpd/testuser

Creiamo infine il file di configurazione per il nostro utente, in modo che vengano sovrascritte le impostazioni di default di VSFTPD sulle homedir:

# nano /etc/vsftpd/user_conf/testuser

con contenuto:

dirlist_enable=YES
download_enable=YES
local_root=/var/www/testuser

Se tutto è andato per il verso giusto, dovreste riuscire a puntare il vostro client FTP sul server appena installato ed effettuare il login con l'utente appena creato.

Configurazione di TLS

Il protocollo FTP è un protocollo estremamente insicuro, poichè tutti i dati viaggiano in chiaro. Fortunatamente è possibile aumentare la sicurezza del nostro server configurando TLS per crittare tutte le comunicazioni. Iniziamo installando OpenSSL:

# apt-get install openssl

Quindi creiamo il certificato da utilizzare per VSFTPD:

# mkdir -p /etc/vsftpd/ssl
# chmod 700 /etc/vsftpd/ssl
# openssl req -x509 -nodes -days 365 -newkey rsa:1024 -keyout /etc/vsftpd/ssl/vsftpd.pem -out /etc/vsftpd/ssl/vsftpd.pem

e inserendo le risposte che fanno al caso nostro:

Country Name (2 letter code) [AU]: IT
State or Province Name (full name) [Some-State]: Italy
Locality Name (eg, city) []: Lodi
Organization Name (eg, company) [Internet Widgits Pty Ltd]: Ferdy FTP Server
Organizational Unit Name (eg, section) []: Dipartimento IT
Common Name (eg, YOUR name) []: serverferdy.local
Email Address []: ferdy@xxxx.it

Quindi modifichiamo il file di configurazione di VSFTPD e aggiungiamo la sezione:

# nano /etc/vsftpd.conf
# Abilito SSL
ssl_enable=YES
allow_anon_ssl=YES

# YES = forzo SSL per tutte le comunicazioni
# NO = permetto anche comunicazioni non crittate
force_local_data_ssl=NO
force_local_logins_ssl=NO

# Permetto TLS v1
ssl_tlsv1=YES

# Permetto SSL v2
ssl_sslv2=YES

# Permetto SSL v3
ssl_sslv3=YES

# Disabilito SSL session reuse (da usare con WinSCP)
require_ssl_reuse=NO

# Imposto il tipo di crittazione
ssl_ciphers=HIGH

# Il percorso del certificato
rsa_cert_file=/etc/vsftpd/ssl/vsftpd.pem

Con un riavvio del server:

# /etc/init.d/vsftpd restart

rendiamo attive le modifiche.
Da adesso sarà possibile configurare il nostro client FTP per utilizzare sessioni crittate.
Tramite uno script perl[1] è possibile gestire facilmente le utenze. Il software mantiene allineato il database con i relativi file di configurazione necessario per ogni utente.

Collegamenti esterni

[1] script perl


Bibliografia




Guida scritta da: Ferdybassi 09:40, 16 aug 2013 (CET)

Swirl-auth20.png Debianized 20%

Estesa da:
Verificata da:

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti