Differenze tra le versioni di "Indice Guide"

Da Guide@Debianizzati.Org.
Jump to navigation Jump to search
Riga 1: Riga 1:
==Introduzione==
+
==Preparazione: installazione dei programmi==
  
'interno della propria rete locale. Molte schede
+
Per configurare i tasti multimediali da linux servono essenzialmente due programmi: '''<code>xev</code>''' e '''<code>xmodmap</code>'''. Prima di tutto, quindi, dobbiamo installarli: andiamo a visitare il sito * [http://packages.debian.org packages.debian.org] e clicchiamo il link "Ricerca nel contenuto dei pacchetti". Nel campo "Parola chiave" inseriamo ad esempio xev e scegliamo nel menu a tendina "Distribuzione" il nostro ramo Debian. In questo il programma xev (e ugualmente il programma xmodmap). Fatto questo possiamo procedere ad installare il pacchetto con aptitude.
di rete, soprattutto gli ultimi chip integrati, . Immaginate ad esempio e a controllare un documento che sta sull'altro computer e pensate di aprire vnc ma purtroppo la seconda postazione e' ancora spenta quindi non vi potete collegare.. a questo il '''MagicPacket(tm)'''!
 
  
  
==Software necessario==
+
==Configurazione layout tasti==
  
Avremmo bisogno di due programmi:
+
Dopo aver installato questi programmi
* ethtool
 
* etherwake
 
  
+
<pre> KeyRelease event, serial 29, synthetic NO, window 0x1c00001,
 
+
      root 0x75, subw 0x0, time 1436703, (287,442), root:(292,515),
<pre>
+
      state 0x0, keycode 236 (keysym 0x0, NoSymbol), same_screen YES,
# apt-get install ethtool etherwake
+
      XLookupString gives 0 bytes:
</pre>
 
 
 
 
 
==Utilizzo di ethtool==
 
 
 
All'avvio del computer entrate nel BIOS e attivate il Wake-On-Lan;  solitamente trovate l'impostazione sotto la voce
 
"Power Management Setup".
 
 
 
Una volta avviato Linux lanciate:
 
<pre>
 
# ethtool eth0
 
 
</pre>
 
</pre>
  
{{ Warningbox | in questo e nei futuri esempi, sostituite eth0 con il nome corrispondente alla scheda di rete che state usando! }}
+
da queste righe otteniamo il keycode (nell'esempio 236) e , NoSymbol</tt>). Adesso dobbiamo associare un nome al tasto riferito da quel keycode. Quest'operazione deve essere fatta modificando il file <tt>~/.xmodmaprc</tt> che se non esiste va creato.
 
 
 
 
A questo punto dovreste vedere una serie di informazioni tra cui qualcosa di simile a questo:
 
<pre>
 
        Supports Wake-on: g
 
        Wake-on: d
 
</pre>
 
  
+
In questo file vanno inserite righe del tipo
 
  
 +
<pre>keycode num = nome</pre>
  
Per impostare il metodo a "g" assicuratevi di avere la lettera "g" tra quelle che seguono la voce "Supports Wake-on" e poi digitate:
+
il di XX dobbiamo inserire un numero maggiore di dodici.
<pre>
+
Adesso lanciando da shell <code>xmodmap ~/.xmodmaprc</code> e rilanciando <code>xev</code> dovremmo ottenere:
# ethtool -s eth0 wol g
 
</pre>
 
  
Se rilanciate
+
<pre>KeyPress event, serial 26, synthetic NO, window 0x2400001,
<pre>
+
    root 0x75, subw 0x0, time 267243, (597,651), root:(603,723),
# ethtool eth0
+
    state 0x0, keycode 236 (keysym 0xffca, F13), same_screen YES,
 +
    XLookupString gives 0 bytes:
 
</pre>
 
</pre>
  
dovreste avere "'''Wake-on: g'''".
+
Abbiamo abbinato al tasto un nome (nell'esempio F13).  
 
 
 
 
A questo punto spegnendo il computer lo potrete accendere da un'altra postazione usando etherwake.
 
 
 
==Utilizzo di etherwake==
 
 
 
etherwake serve per inviare il MagicPacket(tm) alla scheda di rete del pc che volete accendere, accendendolo.
 
 
 
 
Per trovare il MAC Address del pc di destinazione lanciate da quest'ultimo il comando:
 
<pre>
 
# ifconfig
 
</pre>
 
  
ed individuate la riga:
+
==Associazione programmi==
<pre>
 
eth0      Link encap:Ethernet  '''HWaddr 00:50:6D:EA:A2:DC'''
 
</pre>
 
  
Il MAC Address e' la parte che segue la dicitura "HWaddr" ovvero, nel nostro esempio, "00:50:6D:EA:A2:DC" (senza virgolette).
+
Ora potremmo voler far eseguire un'azione al tasto configurato, questa cosa la che permette di associare a dei tasti o ad una combinazione di tasti una determinata azione. Di questi ultimi ne esistono vari: <code>xbindkeys</code>, <code>sven</code>, .
  
 +
Anzitutto bisogna installarlo:
  
Segnatevi il MAC Address e dopo aver impostato il metodo di wake-on a "g" sul pc di destinazione, spegnetelo e recatevi sull'altra postazione.
+
<pre> # apt-get install xbindkeys </pre>
A questo punto lanciate:
 
  
 +
 
<pre>
 
<pre>
# etherwake <mac address> -D
+
    "comando o programma da eseguire"
 
+
    tasto o combinazione di tasti associata
esempio:
 
# etherwake 00:50:6D:EA:A2:DC -D
 
 
</pre>
 
</pre>
 
+
per esempio
 
per il verso giusto, il secondo pc dovrebbe essersi acceso..
 
 
 
 
 
==Ultimi ritocchi==
 
 
 
 
 
la modifica del file di avvio della rete.
 
 
 
Aprite il file '''/etc/init.d/networking''' e modificatelo come segue:
 
 
<pre>
 
<pre>
#!/bin/sh
+
     "firefox"
#
+
     Control+F13 // si potevano usare anche Shift o Alt
# manage network interfaces and configure some networking options
 
 
 
PATH=/usr/local/sbin:/usr/local/bin:/sbin:/bin:/usr/sbin:/usr/bin
 
 
 
if ! [ -x /sbin/ifup ]; then
 
    exit 0
 
fi
 
 
 
spoofprotect_rp_filter () {
 
    # This is the best method: turn on Source Address Verification and get
 
    # spoof protection on all current and future interfaces.
 
   
 
    if [ -e /proc/sys/net/ipv4/conf/all/rp_filter ]; then
 
        for f in /proc/sys/net/ipv4/conf/*/rp_filter; do
 
            echo 1 > $f
 
        done
 
        return 0
 
    else
 
        return 1
 
    fi
 
}
 
 
 
spoofprotect () {
 
    echo -n "Setting up IP spoofing protection: "
 
    if spoofprotect_rp_filter; then
 
        echo "rp_filter."
 
    else
 
        echo "FAILED."
 
    fi
 
}
 
 
 
ip_forward () {
 
    if [ -e /proc/sys/net/ipv4/ip_forward ]; then
 
        echo -n "Enabling packet forwarding..."
 
        echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/ip_forward
 
        echo "done."
 
    fi
 
}
 
 
 
syncookies () {
 
    if [ -e /proc/sys/net/ipv4/tcp_syncookies ]; then
 
        echo -n "Enabling TCP/IP SYN cookies..."
 
        echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/tcp_syncookies
 
        echo "done."
 
    fi
 
}
 
 
 
doopt () {
 
    optname=$1
 
    default=$2
 
    opt=`grep "^$optname=" /etc/network/options`
 
    if [ -z "$opt" ]; then
 
        opt="$optname=$default"
 
    fi
 
    optval=${opt#$optname=}
 
    if [ "$optval" = "yes" ]; then
 
        eval $optname
 
    fi
 
}
 
 
 
case "$1" in
 
    start)
 
doopt spoofprotect yes
 
        doopt syncookies no
 
        doopt ip_forward no
 
 
 
        echo -n "Configuring network interfaces..."
 
        ifup -a
 
ethtool -s eth0 wol g
 
echo "done."
 
;;
 
    stop)
 
        if sed -n 's/^[^ ]* \([^ ]*\) \([^ ]*\) .*$/\1 \2/p' /proc/mounts |
 
          grep -q "^/ nfs$"; then
 
            echo "NOT deconfiguring network interfaces: / is an NFS mount"
 
        elif sed -n 's/^[^ ]* \([^ ]*\) \([^ ]*\) .*$/\1 \2/p' /proc/mounts | 
 
          grep -q "^/ smbfs$"; then
 
            echo "NOT deconfiguring network interfaces: / is an SMB mount"
 
elif sed -n 's/^[^ ]* \([^ ]*\) \([^ ]*\) .*$/\2/p' /proc/mounts |
 
          grep -qE '^(nfs[1234]?|smbfs|ncp|ncpfs|coda|cifs)$'; then
 
            echo "NOT deconfiguring network interfaces: network shares still mounted."
 
        else
 
            echo -n "Deconfiguring network interfaces..."
 
            ifdown -a --exclude=lo
 
    echo "done."
 
        fi
 
;;
 
     force-reload|restart)
 
doopt spoofprotect yes
 
        doopt syncookies no
 
        doopt ip_forward no
 
        echo -n "Reconfiguring network interfaces..."
 
        ifdown -a --exclude=lo
 
        ifup -a
 
ethtool -s eth0 wol g
 
echo "done."
 
;;
 
     *)
 
echo "Usage: /etc/init.d/networking {start|stop|restart|force-reload}"
 
exit 1
 
;;
 
esac
 
 
 
exit 0
 
 
 
 
</pre>
 
</pre>
 +
  
Le uniche due modifiche che ho fatto sono le due aggiunte del comando '''ethtool -s eth0 wol g''' nella sezione di start e restart delle interfacce di rete. Copiate solo quel comando nel vostro file nel punto corrispondente; evitate di fare il copia e incolla dell'intero file.
+
Se abbiamo Kde dobbiamo creare uno script del tipo
 
 
{{ Warningbox | gli utenti k/ubuntu hanno una versione leggermente diversa; il comando sopracitato va messo dopo il blocco "if" }}
 
 
 
'''Esempio estratto dal file networking di kubuntu:'''
 
 
<pre>
 
<pre>
        if [ "$VERBOSE" != no ]; then
+
    #!/bin/bash
            ifup -a
+
    xmodmap ~/.xmodmaprc
        else
+
    xbindkeys -f ~/.xbindkeysrc
            ifup -a >/dev/null 2>&1
 
        fi
 
ethtool -s eth0 wol g
 
 
</pre>
 
</pre>
 +
salvarlo ad esempio come <code>mapping</code> dargli i permessi di esecuzione <code>chmod a+x mapping</code> e copiarlo in <tt>~/.kde/Autostart</tt>.
  
'''Metodo alternativo'''
+
Se abbiamo gnome dopo aver creato lo script, dobbiamo creare da root un link allo script in <tt>/usr/bin</tt>:
 
 
Un metodo alternativo che non richiede la modifica dello script
 
in '''/etc/network/interfaces'''. Ad esempio:
 
 
 
<pre>
 
auto eth0
 
iface eth0 inet static
 
        address 192.168.1.2
 
        netmask 255.255.255.0
 
        gateway 192.168.1.1
 
</pre>
 
diventa
 
 
<pre>
 
<pre>
auto eth0
+
    # cd /usr/bin
iface eth0 inet static
+
    # ln -s path_script/mapping mapping
        address 192.168.1.2
 
        netmask 255.255.255.0
 
        gateway 192.168.1.1
 
        up ethtool -s eth0 wol g
 
 
</pre>
 
</pre>
 +
e poi da ''Desktop -> Preferenze -> Sessioni'' nella scheda ''Startup Program'' aggiungere <code>mapping</code>.
  
Notare l'aggiunta della direttiva '''up''' per l'interfaccia '''eth0'''
+
'''Nota''': per gli utenti gnome dopo aver modificato <tt>.xmodmaprc</tt>, rifacendo il login potrebbe apparire una schermata del tipo
 
 
==Conclusioni==
 
  
.
+
[[Immagine:loadmap.jpg|center]]
  
 +
se scegliamo di caricare la modmap in questo modo dallo script <code>mapping</code> dobbiamo eliminare
 +
la riga <tt>xmodmap ~/.xmodmaprc</tt>.
  
---- [[Utente:Virtual DarKness|Virtual DarKness]] 16:58, Giu 23, 2005 (EDT)
+
----
[[Categoria:Networking]]
+
[[Utente:Itbhp|itbhp]] 11:07, 21 Apr 2006 (EDT)
 +
[[Categoria:Desktop]][[Categoria:Hardware]]

Versione delle 14:34, 26 dic 2006