Vim Cheat Sheet

Da Guide@Debianizzati.Org.

(Differenze fra le revisioni)
(+ versioni compatibili)
Riga 1: Riga 1:
{{Versioni compatibili}}
{{Versioni compatibili}}
= Introduzione =
= Introduzione =
-
Parlare di Vim non è facile, è complesso, infinito e oltre a questo esiste già una marea di
+
Parlare di Vim non è facile, è complesso, infinito e oltre a questo esiste già moltissima documentazione. <br/>
-
documentazione. <br/>
+
Perciò questa vuole essere una raccolta di comandi spiegata in modo schematico e di facile consultazione in caso di bisogno. <br/>
-
Perciò questa vuole essere una raccolta di comandi spiegata in modo schematico e di facile
+
-
consultazione in caso di bisogno. <br/>
+
La caratteristica fondamentale di Vim è di avere varie modalità differenti; nonostante all'inizio ciò possa far sentire a disagio, è anche uno dei suoi punti forti, che con l'abitudine non faranno rimpiangere nessun altro editor. <br/>
La caratteristica fondamentale di Vim è di avere varie modalità differenti; nonostante all'inizio ciò possa far sentire a disagio, è anche uno dei suoi punti forti, che con l'abitudine non faranno rimpiangere nessun altro editor. <br/>
-
* '''Modalità comando:''' è la prima che si incontra appena aperto, si possono impartire comandi specifici che spaziano dalle opzioni di configurazione stesse all'editing in modo massiccio, uso di regex e molto altro. In caso si sia in altre modalità, questa si ottiene con il tasto Escape. <br/>
+
* '''Modalità comando:''' è la prima che si incontra appena aperto, si possono impartire comandi specifici che spaziano dalle opzioni di configurazione stesse all'editing in modo massiccio, uso di regex e molto altro. In caso ci si trovi in altre modalità, questa si ottiene con il tasto Escape. <br/>
 +
 
* '''Modalità inserimento:''' per inserire testo come un normale editor, dalla modalità comando vi si accede con '''i''' (lettera i). <br/>
* '''Modalità inserimento:''' per inserire testo come un normale editor, dalla modalità comando vi si accede con '''i''' (lettera i). <br/>
-
* '''Modalità visuale:''' selezione del testo con la possibilità di compiere operazioni su interi blocchi, dalla modalità comando si attiva con '''v''' (lettera v). <br/>
 
-
* '''Modalità sostituzione:''' è simile all'inserimento con la differenza che qualsiasi cosa verrà digitata compierà una sostituzione sovrascrivendo il vecchio testo, dalla modalità comando si attiva con '''R''' (quindi shift-r). Esiste anche una sostituzione temporanea attivabile con la lettera '''r''' seguita da cosa si vuole sostituire, vale solo per un carattere, nello specifico quello sotto il cursore.
 
-
In modalità comando le istruzioni vengono passate tramite una sorta di attivatore, ovvero ''':''' (due punti). Tranne quando si inserisce effettivamente del testo l'abitudine è di restare in modalità comando; infatti nonostante in modalità inserimento i classici tasti di direzione funzionino, trovarsi in modalità comando diventa essenziale per muoversi ed operare velocemente all'interno del documento, grazie alla maggiore quantità di scelte rapide disponibili. <br/>
 
-
C'è la possibilità di usare comandi in modalità inserimento senza premere Esc, ma non l'ho mai
 
-
apprezzata, giacché la scorciatoia è ctrl-o che trovo decisamente scomoda.
 
-
Ora ci vuole una breve legenda affinché ci sia un minimo di chiarezza su quanto andrò ad esporre. <br/>
+
* '''Modalità visuale:''' selezione del testo con la possibilità di compiere operazioni su interi blocchi. Dalla modalità comando si attiva in tre modi differenti:
-
Tutti i comandi sono da intendere in modo letterale, nel senso che vanno digitati così come sono
+
** '''v''' (lettera v) : normale, parte da dove è posizionato il cursore;
-
scritti, sia quelli preceduti dai due punti che quelli senza, quelli composti da più lettere vanno usati in sequenza e possibilmente senza aspettare troppo tempo tra una e l'altra.
+
** '''V''' (lettera v maiuscola) : a linee, seleziona per righe, dall'inizio alla fine di ognuna;
-
Fanno eccezione i comandi preceduti da un '''$''' (il prompt bash) che sono invece opzioni da linea di comando da dare in un terminale. <br/>
+
** '''Ctrl-v''' : a blocchi, seleziona seguendo le colonne.
-
ctrl-f significa premere contemporaneamente il tasto Control e il tasto f. <br/>
+
 
-
ctrl-w c significa premere contemporaneamente il tasto Control e il tasto w, rilasciarli e premere il tasto c (funziona anche senza rilasciare ma le acrobazie da pianista le lasciamo agli utenti emacs :). <br/>
+
* '''Modalità sostituzione:''' è simile all'inserimento con la differenza che qualsiasi cosa verrà digitata compierà una sostituzione sovrascrivendo il vecchio testo, dalla modalità comando si attiva con '''R''' (quindi Shift-r). Esiste anche una sostituzione temporanea attivabile con la lettera '''r''' seguita da cosa si vuole sostituire, vale solo per un carattere, nello specifico quello sotto il cursore.
-
Per schermo si intende la porzione visibile dell'intero documento, ovvero la parte di testo
+
In modalità comando le istruzioni vengono passate tramite una sorta di attivatore, ovvero ''':''' (due punti). Tranne quando si inserisce effettivamente del testo è preferibile restare in modalità comando; infatti nonostante in modalità inserimento i classici tasti di direzione funzionino, trovarsi in modalità comando diventa essenziale per muoversi ed operare velocemente all'interno del documento, grazie alla maggiore quantità di scelte rapide disponibili. <br/>
-
contenuta nella finestra, che ovviamente varia a seconda delle dimensioni del terminale e del
+
C'è la possibilità di usare comandi in modalità inserimento senza premere Esc, ma non l'ho mai apprezzata, giacché la scorciatoia è Ctrl-o che trovo decisamente scomoda.
-
monitor.
+
 
 +
Di seguito una breve legenda affinché ci sia un minimo di chiarezza su quanto andrò ad esporre. <br/>
 +
Tutti i comandi sono da intendere in modo letterale, nel senso che vanno digitati così come sono scritti, sia quelli preceduti dai due punti che quelli senza, quelli composti da più lettere vanno usati in sequenza e senza aspettare troppo tempo tra una e l'altra perché c'è un timer.
 +
Fanno eccezione i comandi preceduti da un '''$''' (il prompt Bash) che sono invece istruzioni a linea di comando da utilizzare in un terminale. <br/>
 +
Ctrl-f significa premere contemporaneamente il tasto Control e il tasto f. <br/>
 +
Ctrl-w c significa premere contemporaneamente il tasto Control e il tasto w, rilasciarli e premere il tasto c (funziona anche senza rilasciare ma le acrobazie da pianista le lasciamo agli utenti emacs :). <br/>
 +
Per schermo si intende la porzione visibile dell'intero documento, ovvero la parte di testo contenuta nella finestra, che ovviamente varia a seconda delle dimensioni del terminale e del monitor.

Versione delle 10:26, 4 ago 2012

Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Tutte le versioni supportate di Debian

Indice

Introduzione

Parlare di Vim non è facile, è complesso, infinito e oltre a questo esiste già moltissima documentazione.
Perciò questa vuole essere una raccolta di comandi spiegata in modo schematico e di facile consultazione in caso di bisogno.
La caratteristica fondamentale di Vim è di avere varie modalità differenti; nonostante all'inizio ciò possa far sentire a disagio, è anche uno dei suoi punti forti, che con l'abitudine non faranno rimpiangere nessun altro editor.

In modalità comando le istruzioni vengono passate tramite una sorta di attivatore, ovvero : (due punti). Tranne quando si inserisce effettivamente del testo è preferibile restare in modalità comando; infatti nonostante in modalità inserimento i classici tasti di direzione funzionino, trovarsi in modalità comando diventa essenziale per muoversi ed operare velocemente all'interno del documento, grazie alla maggiore quantità di scelte rapide disponibili.
C'è la possibilità di usare comandi in modalità inserimento senza premere Esc, ma non l'ho mai apprezzata, giacché la scorciatoia è Ctrl-o che trovo decisamente scomoda.

Di seguito una breve legenda affinché ci sia un minimo di chiarezza su quanto andrò ad esporre.
Tutti i comandi sono da intendere in modo letterale, nel senso che vanno digitati così come sono scritti, sia quelli preceduti dai due punti che quelli senza, quelli composti da più lettere vanno usati in sequenza e senza aspettare troppo tempo tra una e l'altra perché c'è un timer. Fanno eccezione i comandi preceduti da un $ (il prompt Bash) che sono invece istruzioni a linea di comando da utilizzare in un terminale.
Ctrl-f significa premere contemporaneamente il tasto Control e il tasto f.
Ctrl-w c significa premere contemporaneamente il tasto Control e il tasto w, rilasciarli e premere il tasto c (funziona anche senza rilasciare ma le acrobazie da pianista le lasciamo agli utenti emacs :).
Per schermo si intende la porzione visibile dell'intero documento, ovvero la parte di testo contenuta nella finestra, che ovviamente varia a seconda delle dimensioni del terminale e del monitor.


Basi


Gestione


Editing


Varie


Configurazione


Extra



Autore: skizzhg
Credits: Plutonio (revisione e suggerimenti)
Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti