Superkaramba

Da Guide@Debianizzati.Org.

Template:Sommario

Indice

Superkaramba

Introduzione

Come precedentemente indicato:

[Articolo e-zine]

[Superkaramba] è, in termini semplici, uno strumento che ti permette di creare facilmente eye-candy interattivi sul tuo desktop KDE. Attualmente, solo su linux è ufficialmente supportato.

SuperKaramba è uno strumento basato su karamba che permette a chiunque di creare e gestire facilmente piccoli widget interattivi su un desktop KDE. I widget sono definiti in un semplice file di testo che può essere aumentato con codice Python per renderli interattivi. Qui sono solo alcuni esempi di ciò che si può fare:

   * mostra le informazioni di sistema come CPU, la riproduzione di MP3, ecc;
   * crea barre degli strumenti personalizzate che lavorano in ogni modo immaginabile;
   * creazione di piccoli giochi virtuali o animali che vivono sul tuo desktop;
   * mostra le informazioni da Internet, come il meteo e headlines;

Questo pacchetto è parte di KDE, come una componente del modulo KDE utilità.

Come consigliato nel sito ufficiale, per poter scaricare nuovi temi dovete andare a cercarli su kde-look.org, qui potrete trovare di tutto, dalle GUI per visualizzare le risorse alle dock-bar.

Installare Superkaramba

KDE3

# apt-get install superkaramba

KDE4

# apt-get install plasma-scriptengine-superkaramba

Utilizzo

Eseguire il comando

$ superkaramba

La finestra che si aprirà vi mostrerà diverse opzioni, tra queste vi è la possibilità di scaricare diversi oggetti da Kde.look, oppure aprire un tema scaricato o avviare un tema già caricato in superkaramaba ma non attivo.

Karamba003.jpeg

Consiglio di disabilitare la tray icon di superkaramba che reputo inutile.

Con un click del pulsante destro all'interno di un plasmoide di superkaramba si aprirà il menu delle opzioni

Karamba001.jpeg

da qui sarà possibile accedere al menù di superkaramba.

Karamba002.jpeg

Modifiche al tema

Con molta probabiltà alcune cose non funzioneranno a dovere al primo avvio di un tema.

Il fatto è dovuto alla non corretta configurazione dei parametri, infatti questi non vengono riconosciuti in automatico e sono legati a quanto scritto e testato dell'editore del tema.

I problemi più comuni sono legati alla scheda di rete (eth0 al posto di eth1 o altro), oppure al riconoscimento degli HD e delle partizioni montate che non hanno la stessa ubicazione e/o nome diverso(hda,sda,....), in questo caso occorre editare il file .theme.

Usate l'editor di testo che preferite e applicate le modifiche dovute, al salvataggio del file il tema si aggiornerà automaticamente.

Dipendenze importanti

Per poter visualizzare correttamente gli output karamba necessita di alcuni software a cui si appoggia.

Ecco un breve elenco degli indispensabili:

Per le temperature delle GPU pare che solo i driver propietari di ATI e NVidia diano risultati.

Documentazione

Karamba Docs

Superkaramba Docs

karamba

Questo definisce la finestra di Karamba; una finestra di grandi dimensioni richiede più tempo per essere disegnata, quindi cercate di non crearla più grande di quanto gli elementi grafici al suo interno necessitino, ovvero evitate una grossa finestra se avete solo del testo in un angolo.

x - posizione orizzontale della finestra di Karamba / default: x=0

y - posizione verticale della finestra di Karamba / default: y=0

w - larghezza della finestra di Karamba / default: w=300

h - altezza della finestra di Karamba / default: h=300

right - se right è impostato a true, la finestra verrà posizionata sul lato destro dello schermo e il parametro x verrà ignorato / default: right=false

bottom - se bottom è impostato a true, la finestra verrà posizionata nella parte bassa dello schermo e il parametro y verrà ignorato / default: bottom=false

ontop - se ontop è impostato a true, la finestra resterà in primo piano rispetto alle altre / default: ontop=false

topbar - se topbar è impostato a true, la finestra verrà posizionata nella parte alta dello schermo e le applicazioni massimizzate non la copriranno (come avviene per kicker, il pannello di kde). In questo caso la finestra non può essere spostata / default: topbar=false

bottombar - se bottombar è impostato a true, la finestra verrà posizionata nella parte bassa dello schermo e le applicazioni massimizzate non la copriranno (come avviene per kicker, il pannello di kde). In questo caso la finestra non può essere spostata / default: bottombar=false

interval - la frequenza di aggiornamento dei contatori in millisecondi / default: interval=5000

locked - se locked è impostato a true, la finestra non può essere spostata con il trascinamento del mouse; questa opzione può essere modificata con il click destro sulla stessa / default: locked=false

Contatori

bar

Visualizza una barra, come una barra di avanzamento, nella posizione desiderata; è disegnata usando l'immagine fornita dall'opzione «path» e possono essere utilizzare immagini trasparenti. Se le opzioni «w» e «h» non sono specificate, la dimensione della barra è uguale a quella dell'immagine. Il default è di avere un avanzamento da sinistra verso destra ma è possibile ottenrne una verticale (dal basso verso l'alto) con l'opzione «vertical».

x - posizione orizzontale dell'angolo alto sinistro.

y - posizione verticale dell'angolo alto sinistro.

w - la larghezza della barra [opzionale].

h - l'altezza della barra [opzionale].

path - il percorso dell'immagine per la barra (relativo al file di configurazione, posizione assoluta nel filesystem o un indirizzo http)

vertical - se impostato a true, la barra è verticale: dal basso verso l'alto / default: vertical=false

value - il valore della barra / default: value=0

min - il valore minimo; può essere sovrascritto da un sensore / default: min=0

max - il valore massimo; può essere sovrascritto da un sensore / default: max=100

Esempi:

bar x=0 y=0 w=10 h=200 vertical=true path="img.png" sensor=cpu
bar x=0 y=0 path="img.png" min=30 max=60 sensor=cpu

graph

Visualizza un grafico the scorre verso sinistra

x - posizione orizzontale dell'angolo alto sinistro

y - posizione verticale dell'angolo alto sinistro

w - la larghezza del grafico [opzionale]

h - l'altezza del grafico [opzionale]

points - il numero dei punti nel grafico

min - il valore minimo; può essere sovrascritto da un sensore / default: min=0

max - il valore massimo; può essere sovrascritto da un sensore / default: max=100

color - il colore del grafico; occorrono tre numeri interi tra 0 e 255 separati da una virgola (rosso, verde, blu) / default: color=0,0,0 esempio: color=100,200,180.

Esempi:

graph x=0 y=0 w=200 h=60 points=100 sensor=cpu

image

Visualizza un'immagine nella posizione desiderata, questa può essere collegata a un sensore: il valore del sensore viene interpretato come un percorso dell'immagine. Le immagini, anche trasparenti, possono essere prese direttamente dal web.

x - posizione orizzontale dell'angolo alto sinistro dell'immagine

y - posizione verticale dell'angolo alto sinistro dell'immagine

path - il percorso dell'immagine (relativo al file di configurazione, posizione assoluta nel filesystem o un indirizzo http)

Esempi:

image x=10 y=10 path="/tmp/immagine.png"
image x=10 y=10 path="immagine.jpg"
image x=10 y=10 sensor=program program="pictures.pl"

text

Visualizza un'etichetta di testos nella posizione desiderata. È possibile utilizzare le opzioni «w» e «h» per definire un'area di ritaglio: nessun testo verrà visualizzato al di fuori di quest'area. Tutti i sensori possono essere connessi a un contatore testuale.

x - posizione orizzontale dell'angolo alto sinistro

t - posizione verticale dell'angolo alto sinistro

w - la larghezza dell'etichetta [opzionale]

h - l'altezza dell'etichetta [opzionale]

value - il testo dell'etichetta

align - imposta l'allineamento del testo: left, center o right / default: align=left

font - il carattere da utilizzare

fontsize - la dimensione del carattere

color - il colore del testo; occorrono tre numeri interi tra 0 e 255 separati da una virgola (rosso, verde, blu) / default: color=0,0,0 esempio: color=100,200,180.

bgcolor - il colore dell'ombra / default: bgcolor=0,0,0

shadow - applica un'ombra di «n» pixel dal testo, il valore può essere negativo / default: shadow=0 esempio: shadow=2

fixedpitch - impostare a «true» per ottenere i caratteri equidistanti / default: fixedpitch=false

Esempi: text x=0 y=0 value="stringa di testo" text x=0 y=0 sensor=cpu color=255,0,0 font="arial" sensor=cpu

Sensori

cpu

Misura l'attuale carico della CPU, sono gestibili più processori.

interval - l'intervallo di aggiornamento in millisecondi. Il primo parametro specificato verrà utilizzato per ulteriori CPU, sebbene ognuna possa avere un proprio intervallo / default: interval=1000

cpu - l'indice della CPU, utile solo se si ha più di un processore

cpu=0 - la prima CPU

cpu=1 - la seconda CPU

...

cpu=all - il carico di tutti i processori

default: cpu=all

format - le specifiche del testo visualizzato; i valori possibili sono:

%v - il carico della CPU,
%load - come %v,
%user - il carico dell'utente,
%system - il carico di sistema,
%nice - il carico secondo il parametro nice,
%idle - il carico secondo il parametro idle.

default: format="%v"

esempio: cpu=0 format="%user%"

disk

Fornisce informazioni sui dischi montati, sono gestibili filesystem di rete.

interval - l'intervallo di aggiornamento in millisecondi. Il primo parametro specificato verrà utilizzato per ulteriori sensori di disco, sebbene ognuno possa avere un proprio intervallo / default: interval=5000

format - le specifiche del testo visualizzato; i valori possibili sono:

%f - spazio libero su disco in megabyte,
%fp - la percentuale dello spazio libero,
%u - spazio usato su disco in megabyte,
%up - la percentuale dello spazio usato,
%t - spazio complessivo su disco in megabyte.

default: format="%u"

esempio: format="Spazio libero: %f MB"

esempio: format="Spazio usato: %up %"

mountpoint - la directory montata da monitorare / default: mountpoint="/"

esempio: mountpoint="/mnt/cdrom"

memory

Misura i valori di memoria e swap.

interval - l'intervallo di aggiornamento in millisecondi. Il primo parametro specificato verrà utilizzato per ulteriori sensori di memoria, sebbene ognuno possa avere un proprio intervallo / default: interval=3000

format - le specifiche del testo visualizzato; i valori possibili sono:

%fm - memoria libera in megabyte,
%fmb - memoria libera in megabyte (esclusi cache e buffer),
%um - memoria usata in megabyte,
%umb - memoria usata in megabyte (esclusi cache e buffer),
%tm - memoria totale in megabyte,
%fs - swap libera in megabyte,
%us - swap usata in megabyte,
%ts - swap complessiva in megabyte.

default: format="%um"

esempio: format="Memoria libera: %fm MB"

network

Fornisce informazioni sul traffico di rete di una periferica.

interval - l'intervallo di aggiornamento in millisecondi. Il primo parametro specificato verrà utilizzato per ulteriori sensori di rete, sebbene ognuno possa avere un proprio intervallo / default: interval=2500

device - la periferica di rete da utilizzare / default: device="eth0"

esempio: device="ppp0"

format - le specifiche del testo visualizzato; i valori possibili sono:

%in - traffico in entrata in kilobytes per secondo,
%out - traffico in uscita in kilobytes per secondo.

default: format="%in"

esempio: format="Traffico in entrata: %in kB/s"

decimals - il numero di decimali da utilizzare quando si misura il traffico di rete / default: decimals=0

noatun

Ottiene informazioni da un possibile processo Noatun in esecuzione.

interval - l'intervallo di aggiornamento in millisecondi. Il primo parametro specificato verrà utilizzato per ulteriori sensori noatun, sebbene ognuno possa avere un proprio intervallo / default: interval=1000

format - le specifiche del testo visualizzato; i valori possibili sono:

%id - il nome dcop di noatun, può essere utile connettendosi a una clickarea (WTF?)
(per utilizzarlo fare riferimento al primo esempio),
%title - titolo del brano in corso,
%time - tempo del brano in corso,
%remain - tempo rimanente del brano in corso,
%length - lunghezza del brano in corso,
%full - se Noatun è avviato il sensore restituisce «MAX», altrimenti «0»; utile connettendo il sensore ad una barra, l'immagine verrà mostrata solo se Noatun è in esecuzione / default: format="%title %time / %total"

esempio: onclick="dcop %v Noatun play" sensor=noatun format="%id"

program

Used to run a program and connect the output to a meter.

interval - The update interval in milliseconds. The first specified interval parameter will be used for subsequent program sensors with an identical program parameter (including parameters), although each sensor may still have it's own interval parameter.

default: interval=3600000

program - The program that you want to run.

example: program="ftpwho -v"

encoding - This parameter will let you display text with, for example., Russian characters. The parameter value is the name of the encoding. A list of encodings can be found here: QTextCodec Class Reference. The first specified encoding parameter will be used for subsequent program sensors with an identical program parameter (including parameters), although each sensor may still have it's own encoding parameter.

default: encoding="" - Your locale is used.

example: encoding="KOI8-R"

example: encoding="ISO8859-6"

line - Use line if you only want a single line of the file.

line=1 - The first line of the file.

line=2 - The second line of the file.

...

line=-1 - The last line of the file.

line=-2 - The second last line of the file.

...

sensor

The sensor sensor uses the "sensors" program to measure CPU temperature, fan speeds, voltages, and more. The "sensors" program is required to get this sensor to work.

interval - The update interval in milliseconds. The first specified interval parameter will be used for subsequent time sensors, although each sensor may still have it's own interval parameter.

default: interval=30000

format - The specification of the displayed text. Possible values are:

%v - The value of the sensor.

default: format="%v"

example: format="Fanspeed: %v"

type - Which meter in the "sensors" program to monitor. Run the "sensors" program to list the available meters.

default: type="temp2"

example: type="fan1"

textfile

Reads a text file repeatedly.

interval - The update interval in milliseconds. The first specified interval parameter will be used for subsequent textfile sensors with an identical path parameter, although each sensor may still have it's own interval parameter.

default: interval=60000

path - The path to the textfile

example: path="/home/user/file.txt"

encoding - Using this parameter will let you display text with, for example., Russian characters. The parameter value is the name of the encoding. A list of encodings can be found here: QTextCodec Class Reference. The first specified encoding parameter will be used for subsequent textfile sensors with an identical path parameter, although each sensor may still have it's own encoding parameter.

default: encoding="" - Your locale is used.

example: encoding="KOI8-R"

example: encoding="ISO8859-6"

line - Use line if you only want a single line of the file.

line=1 - The first line of the file.

line=2 - The second line of the file.

...

line=-1 - The last line of the file.

line=-2 - The second last line of the file.

...

rdf - Set rdf=true if the texfile is a RDF/RSS file.

default: rdf=false

time

Returns the current time and/or date.

interval - The update interval in milliseconds. The first specified interval parameter will be used for subsequent time sensors, although each sensor may still have it's own interval parameter.

default: interval=60000

format - The specification of the displayed text. Possible values are:

d - the day as number without a leading zero (1-31).
dd - the day as number with a leading zero (01-31).
ddd - the abbreviated localized day name (e.g. 'Mon'..'Sun').
dddd - the long localized day name (e.g. 'Monday'..'Sunday').
M - the month as number without a leading zero (1-12).
MM - the month as number with a leading zero (01-12).
MMM - the abbreviated localized month name (e.g. 'Jan'..'Dec').
MMMM - the long localized month name (e.g. 'January'..'December').
yy - the year as two digit number (00-99).
yyyy - the year as four digit number (1752-8000).
h - the hour without a leading zero (0..23 or 1..12 if AM/PM display).
hh - the hour with a leading zero (00..23 or 01..12 if AM/PM display).
m - the minute without a leading zero (0..59).
mm - the minute with a leading zero (00..59).
s - the second without a leading zero (0..59).
ss - the second with a leading zero (00..59).
z - the milliseconds without leading zeroes (0..999).
zzz - the milliseconds with leading zeroes (000..999).
AP - use AM/PM display. AP will be replaced by either "AM" or "PM".
ap - use am/pm display. ap will be replaced by either "am" or "pm".

Example format strings (assumed that the QDateTime is 21 May 2001 14:13:09):

format="dd.MM.yyyy" -> 21.05.2001
format="ddd MMMM d yy" -> Tue May 21 01
format="hh:mm:ss.zzz" -> 14:13:09.042
format="h:m:s ap" -> 2:13:9 pm

uptime

Returns the current time and/or date.

interval - The update interval in milliseconds. The first specified interval parameter will be used for subsequent time sensors, although each sensor may still have it's own interval parameter.

default: interval=60000

format - The specification of the displayed text. Possible values are:

%d - Days.
%h - Hours.
%m - Minutes.
%s - Seconds.
%H - Hours with possible leading zero.
%M - Minutes with possible leading zero.
%S - Seconds with possible leading zero.

default: format="%dd %h:%M"

xmms

Get information from a possible running XMMS process.

interval - The update interval in milliseconds. The first specified interval parameter will be used for subsequent xmms sensors, although each sensor may still have it's own interval parameter.

default: interval=1000

Tips

Warning.png ATTENZIONE

La funzione interval, che spesso se non indicata specificatamente impone tempi molto brevi di default nella sincronizzazione dei dati.

Su alcuni dati di scarsa utilità usare dei tempi lunghi, sempre espressi in millisecondi in modo da risparmiare risorse.



Il consumo della CPU nell'esecuzione di superkaramba dipende molto da questi tempi, si consiglia perciò di dilatare i tempi di esecuzione di ciò che si ritiene poco utile, come ad esempio il priprio IP locale che difficilmente cambierà, ha un tempo di default di 2500.

Per il resto seguite le vostre esigenze, sapendo ora che più breve sarà il tempo di aggiornamento del sensore, maggiore sarà il consumo di CPU.

Miscellaneous

clickarea

Defines a clickable area. Click in the area and the specified proram is executed. A double click is required if the window is not locked. The clickarea is used as a meter, i.e., sensors can be connected.

x - Horizontal position of the area's upper left corner.

y - Vertical position of the area's upper left corner.

w - The width of the clickarea.

h - The height of the clickarea.

preview - If preview=true, a rectangle will shown around the area.

onclick - The program that will be run when the area is clicked.

%v will be replaced with a possible sensor value.

Example:

clickarea x=0 y=0 w=100 h=10 onclick="kdialog --msgbox 'CPU load: %v'" sensor=cpu

defaultfont

The purpose of the defaultfont is to reduce the amount of parameters when using the text tag. Text labels after a defaultfont tag, in the theme file, will use the default parameters if the label has unspecified parameters.

The default is ignored if the text label has its own values. You don't need to specify all font parameters. Multiple defaultfont tags are allowed. Any previous defaults will be deleted.

Example:

defaultfont shadow=2 color=255,0,0
text x=0 y=0 value="test"
defaultfont font="times" fontsize=10 color=255,0,0
text x=0 y=40 value="test" font="arial"
text x=0 y=80 value="test" color=0,0,0

<group>, </group>

Items can be grouped together with the group tag. This will make it easier to move several items and at the same time keep the distances to each other. It is possible to have groups in groups.

x - Horizontal position of the group's upper left corner.

y - Vertical position of the group's upper left corner.

Example:

<group> x=20 y=20
text x=0 y=0 value="test1"
text x=10 y=10 value="test2"
</group> x=20 y=20

theme

Themes can be loaded from inside a theme using the theme tag. It is possible to create a theme that only loads other themes.

path - The path to the desired theme file.

example: theme path=noatun.theme

--Mm-barabba 16:22, 16 gen 2011 (CET)

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti