Recuperare i dati da un Hard Disk danneggiato

Da Guide@Debianizzati.Org.

(Differenze fra le revisioni)
m (corretto link)
 
(18 revisioni intermedie non mostrate.)
Riga 1: Riga 1:
-
{{Versioni compatibili|Tutte le versioni di Debian|}}
+
{{Versioni compatibili|Jessie|Stretch|Buster}}
== Introduzione ==
== Introduzione ==
-
Dopo aver affrontato sulla mia pelle il rischio di perdere dei dati in seguito alla rottura di un hard disk, ho deciso di scrivere qualche appunto sulla tecnica usata per recuperare i dati.<br/>
+
Dopo aver affrontato sulla mia pelle il rischio di perdere dei dati in seguito alla rottura di un hard disk, ho deciso di scrivere qualche appunto sulla tecnica usata per recuperare i dati.
-
Premetto che né io, né Debianizzati.Org siamo responsabili per eventuali danni provocati seguendo queste istruzioni. Non fate nulla se non siete sicuri di quello che fate e, cosa ancora più importante, leggete la documentazione dei comandi che verranno suggeriti.
+
 
 +
{{Warningbox|Né io, né Debianizzati.Org siamo responsabili per eventuali danni provocati seguendo queste istruzioni. Non fate nulla se non siete sicuri di quello che fate e, cosa ancora più importante, leggete la documentazione dei comandi che verranno suggeriti.}}
== La situazione ==
== La situazione ==
Riga 9: Riga 10:
Nella maggior parte dei casi i dati sono recuperabili, ma bisogna seguire una procedura che ci permetterà di non infierire sul disco fisso più del dovuto, diminuendo il più possibile le possibilità di aumentare i danni.
Nella maggior parte dei casi i dati sono recuperabili, ma bisogna seguire una procedura che ci permetterà di non infierire sul disco fisso più del dovuto, diminuendo il più possibile le possibilità di aumentare i danni.
-
Il programma che ci aiuterà in questo è <code>'''dd_rescue'''</code>.
+
Il programma che ci aiuterà in questo è <code>'''ddrescue'''</code> ([[Il Progetto GNU|GNU]] ddrescue).
== Occorrente ==
== Occorrente ==
* una distribuzione live (se l'hard disk in fin di vita è quello contenente il sistema operativo);
* una distribuzione live (se l'hard disk in fin di vita è quello contenente il sistema operativo);
-
* <code>dd_rescue</code> (<code>apt-get install dd_rescue</code>);
+
* <code>ddrescue</code> (<code>apt install gddrescue</code>);
* un hard disk di dimensione maggiore (o uguale) a quello danneggiato.
* un hard disk di dimensione maggiore (o uguale) a quello danneggiato.
Riga 20: Riga 21:
=== Creazione dell'immagine ===
=== Creazione dell'immagine ===
-
'''dd_rescue''', a differenza di '''dd''', non si blocca in caso di errori, ma continua il suo lavoro. Questo, quindi, ci permetterà di avere una immagine con gli stessi errori causati dai bad block del disco rotto.
+
'''ddrescue''', a differenza di '''dd''', non si blocca in caso di errori, ma continua il suo lavoro. Questo, quindi, ci permetterà di avere una immagine con gli stessi errori causati dai bad block del disco rotto.
Il comando è semplice:
Il comando è semplice:
<pre>
<pre>
-
# dd_rescue -v -l /mnt/tmp/hda1.log /dev/hda1 /mnt/tmp/hda1.img
+
# ddrescue -v /dev/sda1 /mnt/tmp/sda1.img /mnt/tmp/sda1.log
</pre>
</pre>
dove:
dove:
-
; <code>/dev/hda1</code>: rappresenta il device da recuperare;
 
-
; <code>/mnt/tmp/hda1.img</code>: rappresenta il file che conterrà l'immagine;
 
; <code>-v</code>: per visualizzare un resoconto dettagliato delle operazioni e dello stato del recupero;
; <code>-v</code>: per visualizzare un resoconto dettagliato delle operazioni e dello stato del recupero;
-
; <code>-l /mnt/tmp/hda1.log</code>: per ottenere, al termine dell'operazione, un file di log con i risultati del recupero.
+
; <code>/dev/sda1</code>: rappresenta la partizione da recuperare;
 +
; <code>/mnt/tmp/sda1.img</code>: rappresenta il file che conterrà l'immagine della partizione;
 +
; <code>/mnt/tmp/sda1.log</code>: per ottenere, al termine dell'operazione, un file di log con i risultati del recupero.
=== Correzione di eventuali errori del filesystem ===
=== Correzione di eventuali errori del filesystem ===
Riga 39: Riga 40:
Un semplice:
Un semplice:
<pre>
<pre>
-
# fsck.FILESYSTEM /mnt/tmp/hda1.img
+
# fsck.FILESYSTEM -f /mnt/tmp/sda1.img
</pre>
</pre>
(dove a <code>FILESYSTEM</code> va sostituito il tipo di filesystem utilizzato nella partizione) permetterà di effettuare un controllo sull'integrità del filesystem.  
(dove a <code>FILESYSTEM</code> va sostituito il tipo di filesystem utilizzato nella partizione) permetterà di effettuare un controllo sull'integrità del filesystem.  
-
{{Box|Nota bene:|verrà effettuato un controllo! Per effettuare operazioni di correzione è necessario rieseguire il comando con delle opzioni specifiche (variano in base al filesystem). Per informazioni: <code>fsck.FILESYSTEM --help</code>.}}
+
{{Box|Nota 1|Verrà effettuato un controllo! Per effettuare operazioni di correzione è necessario rieseguire il comando con delle opzioni specifiche (variano in base al filesystem). Per informazioni: <code>fsck.FILESYSTEM --help</code>.}}
 +
{{Box|Nota 2|Al momento il programma fsck.ntfs non esiste ancora. È però possibile usare l'analogo programma <code>ntfsfix</code> contenuto nel pacchetto <code>ntfs-3g</code>.}}
=== Montaggio immagine ===
=== Montaggio immagine ===
Riga 52: Riga 54:
e, successivamente:
e, successivamente:
<pre>
<pre>
-
# mount -t FILESYSTEM -o /dev/loop0 file_immagine.img /mnt/image
+
# mount -o loop /mnt/tmp/sda1.img /mnt/image
</pre>
</pre>
I contenuti sono ora accessibili e consultabili all'interno della directory <code>/mnt/image</code>.
I contenuti sono ora accessibili e consultabili all'interno della directory <code>/mnt/image</code>.
Riga 61: Riga 63:
Per il recupero dei dati è sufficiente effettuare una semplice copia.
Per il recupero dei dati è sufficiente effettuare una semplice copia.
-
{{Box|Nota Bene|I file che si stanno spostando potrebbero essere danneggiati (a causa dei blocchi danneggiati presenti nell'hard disk rotto). Un controllo addizionale sull'integrità dei file (va eseguito a mano, sfortunatamente) è necessario.}}
+
{{Box|Nota|I file che si stanno spostando potrebbero essere danneggiati (a causa dei blocchi danneggiati presenti nell'hard disk rotto). Un controllo addizionale sull'integrità dei file (va eseguito a mano, sfortunatamente) è necessario.}}
== Conclusione ==
== Conclusione ==
Riga 74: Riga 76:
* [[Gestire gli HD: stato di salute, badblocks e ripristino dati]]
* [[Gestire gli HD: stato di salute, badblocks e ripristino dati]]
-
===Risorse esterne ===
+
=== Risorse esterne ===
-
* [http://www.osrevolution.netsons.org/2007/01/07/recuperare-dati-da-supporti-danneggiati/ Recuperare dati da supporti danneggiati]: guida pubblicata sul blog O.S. Revolution
+
* [http://antoniodeluci.wordpress.com/2007/01/07/recuperare-dati-da-supporti-danneggiati/ Recuperare dati da supporti danneggiati]: guida pubblicata sul blog O.S. Revolution
 +
{{Autori
 +
|Autore= [[Utente:MaXeR|MaXeR]]
 +
|Estesa_da=
 +
|Verificata_da=
 +
:[[Utente:Stemby|Stemby]] 15:41, 4 dic 2017 (CET)
 +
:[[Utente:HAL 9000|HAL 9000]] 09:40, 28 lug 2019 (CEST)
 +
|Numero_revisori=2
 +
}}
-
[[Categoria:Sistema]]
+
[[Categoria:Hard Disk]]
-
[[Categoria:Hardware]]
+

Versione attuale delle 13:31, 6 ott 2019

Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Debian 8 "Jessie"
Debian 9 "Stretch"
Debian 10 "Buster"

Indice

Introduzione

Dopo aver affrontato sulla mia pelle il rischio di perdere dei dati in seguito alla rottura di un hard disk, ho deciso di scrivere qualche appunto sulla tecnica usata per recuperare i dati.

Warning.png ATTENZIONE
Né io, né Debianizzati.Org siamo responsabili per eventuali danni provocati seguendo queste istruzioni. Non fate nulla se non siete sicuri di quello che fate e, cosa ancora più importante, leggete la documentazione dei comandi che verranno suggeriti.


La situazione

La situazione in esame è quella classica: un hard disk con dei settori danneggiati che inonda con messaggi di errore la shell o i log come /var/log/messages o /var/log/syslog.

Nella maggior parte dei casi i dati sono recuperabili, ma bisogna seguire una procedura che ci permetterà di non infierire sul disco fisso più del dovuto, diminuendo il più possibile le possibilità di aumentare i danni.

Il programma che ci aiuterà in questo è ddrescue (GNU ddrescue).

Occorrente

Procedimento

Il procedimento adottato è semplice: creeremo una immagine delle partizioni da salvare, per poi tentare di recuperare i dati.

Creazione dell'immagine

ddrescue, a differenza di dd, non si blocca in caso di errori, ma continua il suo lavoro. Questo, quindi, ci permetterà di avere una immagine con gli stessi errori causati dai bad block del disco rotto.

Il comando è semplice:

# ddrescue -v /dev/sda1 /mnt/tmp/sda1.img /mnt/tmp/sda1.log

dove:

-v
per visualizzare un resoconto dettagliato delle operazioni e dello stato del recupero;
/dev/sda1
rappresenta la partizione da recuperare;
/mnt/tmp/sda1.img
rappresenta il file che conterrà l'immagine della partizione;
/mnt/tmp/sda1.log
per ottenere, al termine dell'operazione, un file di log con i risultati del recupero.

Correzione di eventuali errori del filesystem

L'immagine ottenuta rappresenta una copia 1:1 della partizione recuperata. Questo vuol dire che contiene ancora eventuali errori dovuti al danneggiamento dei blocchi ed alla corruzione del filesystem (situazione molto probabile in questi casi).

Anche in questo caso la logica di Linux "everything is a file" torna utile: l'immagine può essere utilizzata come se fosse una normale partizione, permettendoci, quindi, di effettuare dei check sull'integrità dei dati!

Un semplice:

# fsck.FILESYSTEM -f /mnt/tmp/sda1.img

(dove a FILESYSTEM va sostituito il tipo di filesystem utilizzato nella partizione) permetterà di effettuare un controllo sull'integrità del filesystem.

Info.png Nota 1
Verrà effettuato un controllo! Per effettuare operazioni di correzione è necessario rieseguire il comando con delle opzioni specifiche (variano in base al filesystem). Per informazioni: fsck.FILESYSTEM --help.
Info.png Nota 2
Al momento il programma fsck.ntfs non esiste ancora. È però possibile usare l'analogo programma ntfsfix contenuto nel pacchetto ntfs-3g.


Montaggio immagine

Una volta creata e trasportata (NFS, dispositivo removibile, SFTP, FTP) l'immagine su un hard disk in buono stato di salute possiamo montarla per poterne estrarre i contenuti non danneggiati. Creiamo una directory in cui monteremo il contenuto del file .img:

# mkdir /mnt/image

e, successivamente:

# mount -o loop /mnt/tmp/sda1.img /mnt/image

I contenuti sono ora accessibili e consultabili all'interno della directory /mnt/image.

Recupero dei dati

In /mnt/image saranno presenti i dati recuperati, con l'aggiunta di una directory chiamata lost+found, contenente tutti i file (o pezzi di essi) danneggiati o che l'operazione di ripristino non è stato in grado di reinserire nel filesystem in modo corretto.

Per il recupero dei dati è sufficiente effettuare una semplice copia.

Info.png Nota
I file che si stanno spostando potrebbero essere danneggiati (a causa dei blocchi danneggiati presenti nell'hard disk rotto). Un controllo addizionale sull'integrità dei file (va eseguito a mano, sfortunatamente) è necessario.


Conclusione

Questa pagina non abbraccia tutti i possibili scenari, ma quello più frequente e/o probabile.

Ognuno può, ovviamente, sentirsi libero di riportare la propria opinione o esperienza (magari parlandone prima nella pagina di discussione dell'articolo)!

Va, comunque, sottolineata l'importanza di una copia di backup dei propri dati: non sempre si è così fortunati da riuscire a recuperare tutti i dati!

Link

Sul wiki

Risorse esterne




Guida scritta da: MaXeR

Swirl-auth60.png Debianized 60%

Estesa da:
Verificata da:
Stemby 15:41, 4 dic 2017 (CET)
HAL 9000 09:40, 28 lug 2019 (CEST)

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti