Installare Debian con Raid1 software e LVM

Da Guide@Debianizzati.Org.

Versione delle 11:07, 14 nov 2015, autore: HAL 9000 (Discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Installazione
Arrow left.png

Preparazione

Procedura generale

Casi specifici

Altro

Arrow right.png



Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Debian 6 "Squeeze"
Debian 7 "Wheezy"
Debian 8 "Jessie"
Verificala con Stretch
RAID

Sommario

Durante l'installazione
  1. Generale
  2. Raid 1 ed LVM
Dopo l'installazione
  1. Generale
  2. Raid 1

Indice

Introduzione

Il sistema RAID è un modo per fornire ridondanza ai dati memorizzati sugli hard disk. Esistono diversi sistemi RAID, che differiscono tra loro per il numero di hard disk utilizzati e per il metodo di memorizzazione dei dati su di essi. Per una spiegazione esaustiva del sistema RAID si veda ad esempio: definizione di RAID da Wikipedia.
In questa guida ci concentreremo su un sistema Raid1 che, definizione sempre presa da Wikipedia, “crea una copia esatta (mirror) di tutti i dati su due o più dischi. È utile nei casi in cui la ridondanza è più importante che usare tutti i dischi alla loro massima capacità: infatti il sistema può avere una capacità massima pari a quella del disco più piccolo. In un sistema ideale, formato da due dischi, l’affidabilità aumenta di un fattore due rispetto al sistema a disco singolo, ma è possibile avere più di una copia dei dischi. Poiché ogni disco può essere gestito autonomamente nel caso l’altro si guasti, l’affidabilità aumenta linearmente al numero di dischi presenti. RAID-1 aumenta anche le prestazioni in lettura, visto che molte implementazioni possono leggere da un disco mentre l’altro è occupato.
Oltre al sistema Raid 1 software in questa guida utilizzeremo anche il sistema LVM: “Il gestore logico dei volumi (anche noto come logical volume manager o LVM) è un software di gestione dei dischi disegnato per essere più flessibile del normale partizionamento fisico. Il programma di gestione permette, con l’estensione Online JFS installata, di ridimensionare ogni singolo file system senza dover riavviare la macchina, anche quando il filesystem è in uso. Solitamente viene utilizzato su file server o database server per gestire array di dischi o unità Storage Area Network (SAN).” (Fonte: Wikipedia).

Installazione

Questa guida presuppone che si stia cercando di installare Debian su un PC/Server avente due dischi identici, delle stesse dimensioni e vuoti.

  1. Dopo aver eseguito i primi passi dell’installazione di Debian selezionate il sistema di partizionamento manuale;
  2. Nella schermata successiva dovreste vedere i vostri due dischi identici vuoti e senza partizioni. Nel caso si presentino invece contenenti partizioni, assicuratevi del contenuto e poi cancellatele tutte;
  3. In ogni disco bisogna creare ora una partizione. Per poter creare correttamente un RAID 1 software le due partizioni devono essere perfettamente uguali. Purtroppo due dischi, anche se dello stesso produttore e della stessa capacità, non sono mai perfettamente uguali. Per rimediare a questo problema è consigliabile creare in ogni disco una partizione con le stesse dimensioni. Per precauzione consiglio di creare una partizione non più grande del 98% dello spazio totale del disco; in questo modo, nel caso uno dei dischi si rompesse, potrà essere sostituito con un altro uguale o di dimensioni analoghe senza creare problemi. Create perciò in ogni disco una partizione primaria grande il 98% dello spazio totale e selezionate nella schermata come usare questa partizione la dicitura Volume fisico per il Raid. Ripetete queste operazioni per entrambi i dischi.
  4. Alla fine dovreste ritrovarvi nella schermata iniziale del partizionatore. Nei vostri due hard disk sarà comparsa una partizione primaria marcata con k raid. Nella parte alta della schermata sarà comparsa anche una nuova voce, Configurare il Raid software;
  5. Spostatevi con il cursore fino a selezionare la voce Configurare il Raid software e confermate con Yes alla domanda del partizionatore di salvare la configurazione attuale su disco;
  6. Selezionate la voce Creare un Device Multidisk. Nella schermata successiva, che vi invita a selezionare il tipo di RAID da utilizzare, scegliete Raid1; poi indicate il corretto numero di dischi da utilizzare (2 nel nostro caso);
  7. Non essendoci drive di spare, cioè di scorta, scrivete 0 quando vi vengono chiesti;
  8. Adesso è il momento di scegliere, tramite barra spaziatrice, le partizioni. Selezionate entrambi i device che vi vengono mostrati;
  9. Fatto ciò potete scegliere di Terminare;
  10. Tornerete al partizionatore di Debian e nella finestra della tabella di partizionamento comparirà un nuovo dispositivo chiamato RAID 1 dispositivo n° 0;
  11. Selezionate il dispositivo RAID 1 dispositivo n° 0 e alla voce Usato come scegliete il sistema Volume fisico per LVM;
  12. Ora confermate con Preparazione completata e sarete riportati alla schermata principale del partizionatore;
  13. Nelle prime righe in altro notate che è comparsa un'altra voce: Configurare Logical Volume Manager. Selezionatela e confermate con la vostra intenzione di scrivere l'attuale struttura delle partizioni su disco;
  14. Ignorate l'eventuale errore che appare e arriverete alla parte in cui bisogna creare i gruppi di volumi. Selezionate Creare Gruppi di volumi;
  15. Diamo un nome al nuovo gruppo di volume. Io, con poca fantasia, l’ho chiamato lvm0. Poi selezioniamo continuare;
  16. Ora selezioniamo il device su cui creare l’LVM, che sarà appunto il device md0, cioè il RAID 1 software creato pochi passi prima;
  17. Fatto ciò, ora si tratta solo di creare i volumi logici in modo analogo a come si faceva con le partizioni. Per semplicità ho creato solo la partizione di root, la home e quella di swap. Selezionate quindi Creare un volume Logico;
  18. Selezionare i gruppi di volumi su cui creare i volumi logici. Dovrebbe essere indicato solo lvm0;
  19. Poi create il primo volume di nome root, impostate la dimensione in MB e ripetete le stesse operazioni per creare il volume home e quello di swap;
  20. Creati i volumi che ci occorrevano possiamo terminare la configurazione di LVM scegliendo Terminare;
  21. Come ultima cosa occorre configurare le nuove partizioni LVM proprio come se fossero partizioni normali, scegliendo il file system da utilizzare e il mountpoint corretto;
  22. Ora potete Terminare e scrivere i cambiamenti su disco e proseguire con l’installazione di Debian;
  23. Quando vi viene chiesto dove installare Grub selezionate il device md0;

Verifica finale

Il comando:

$ cat /proc/mdstat

vi indicherà se i due hard disk sono sincronizzati o se sono in fase di risincronizzazione.




Guida scritta da: Ferdybassi 23:51, 1 mar 2010 (CET)

Swirl-auth20.png Debianized 20%

Estesa da:
Verificata da:

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti