Installare Debian SID

Da Guide@Debianizzati.Org.

(Differenze fra le revisioni)
(Introduzione)
m (parametro -> Unstable_2017)
 
(23 revisioni intermedie non mostrate.)
Riga 1: Riga 1:
-
{{Versioni compatibili|Sid}}
+
{{Versioni compatibili|ONLY|Unstable_2017}}
== Introduzione ==
== Introduzione ==
-
Come noto per installare Debian possiamo usare una stable[http://cdimage.debian.org/debian-cd/5.0.1/] o una immagine giornaliera della testing [http://cdimage.debian.org/cdimage/weekly-builds/], oppure partire da una businesscard o da una netinstall [http://www.debian.org/CD/netinst/].  
+
Come noto per installare Debian possiamo usare una una immagine stable, una immagine settimanale della testing, oppure partire da una <code>mini.iso</code> o da una [[netinst]] (si legga [[Installare Debian|la guida sull'installazione di Debian]]). <br/>
-
Ma se vogliamo installare Debian Sid non troviamo nessuna immagine dedicata. Questa piccola guida vuole spiegare come installare Debian Sid nei due modi principali in cui viene fatto: un metodo indiretto e uno diretto.
+
Ma se vogliamo installare Debian [[Sid]] non troviamo nessuna immagine dedicata. Questa piccola guida vuole spiegare come installare Debian Sid nei due modi principali in cui viene fatto: un metodo indiretto e uno diretto.
-
 
+
-
Debian Sid non è altro che la versione rolling ovvero dove tutti i pacchetti confluiscono per essere testati per poi, in caso passare al ramo testing che in conclusione sarà la nuova stable. Non tutti ci passano, molti rimangono in Sid, altri passano in testing anche dopo molti aggiornamenti di rilasci maggiori. Come si intuisce Sid non ha nessun supporto per la sicurezza (se si scopre un baco non viene cambiato il pacchetto Debian, ma si prende una versione più aggiornata alla fonte) ed è '''fortemente sconsigliata''' per macchine di produzione. Ma se si vuole sperimentare sapendo dove poter mettere le mani, in caso di qualche imprevisto, allora procediamo.
+
 +
Debian [[Sid]] non è altro che la versione [[unstable]], ovvero dove tutti i pacchetti confluiscono per essere testati per poi, in caso passare al ramo [[testing]] che in conclusione sarà la nuova [[stable]]. Non tutti ci passano, molti rimangono in Sid, altri passano in testing anche dopo molti aggiornamenti di rilasci maggiori. Come si intuisce Sid non ha nessun supporto per la sicurezza (se si scopre un baco non viene cambiato il pacchetto Debian, ma si prende una versione più aggiornata alla fonte) ed è '''fortemente sconsigliata''' per macchine di produzione. Ma se si vuole sperimentare sapendo dove poter mettere le mani, in caso di qualche imprevisto, allora procediamo.
{{Warningbox|'''Procedete  consci di fare quello che state facendo!'''}}
{{Warningbox|'''Procedete  consci di fare quello che state facendo!'''}}
 +
== Installazione in tre fasi ==
 +
=== Prima fase: installazione testing ===
 +
Scaricare un'immagine [[testing]] da qui<sup>[[#Collegamenti esterni|[1]]]</sup>, masterizzare l'immagine .iso appena scaricata su CD/DVD oppure scriverla su un supporto rimovibile (come una memoria USB o SD card), riavviare il PC con il disco d'installazione, proseguire come una normale installazione, fino a quando viene proposto quali [[pacchetto|pacchetti]] installare:
 +
<pre>
 +
selezionare solo "sistema base"
 +
deselezionare "ambiente desktop"
 +
</pre>
-
==<span style="color:#ff0000"> UPDATE </span>==
+
Proseguire con l'installazione; e alla fine togliere il CD/DVD o la memoria rimovibile, e riavviare. Per velocizzare l'operazione di preparazione del mezzo di installazione (ed evitare ogni spreco di materiale se non si hanno supporti riscrivibili a disposizione o una memoria USB o SD card) da rete (sistema PXE supportato da almeno tutti gli anni '80 su praticamente tutti i fissi e portatili).
-
<span style="color:#800000">Ora sono disponibili immagini netinstall per Sid scaricabili da</span> [http://cdimage.debian.org/cdimage/daily-builds/unstable/arch-latest/ qui]}}
+
-
 
+
-
== Installazione in due fasi ==
+
-
=== Prima fase: installazione stable o testing ===
+
-
 
+
-
Scaricare un'immagine da[[http://www.debian.org/distrib/]], masterizzare l'immagine iso appena scaricata, riavviare il PC con il disco d'installazione, proseguire come una normale installazione, fino a quando viene proposto quali pacchetti installare
+
-
 
+
-
<pre> selezionare solo "sistema base"
+
-
deselezionare "ambiente desktop"</pre>
+
-
 
+
-
Proseguire con l'installazione e alla fine togliere il CD e riavviare. Per velocizzare l'operazione di preparazione del mezzo di installazione (ed evitare ogni spreco di materiale se non si hanno supporti riscrivibili a disposizione) considerare di usare l'installazione da flash pen (avvio da USB supportato in hardware con non più di un lustro di vita) o da rete (sistema PXE supportato da almeno tutti gli anni '80 su praticamente tutti i fissi e portatili).
+
=== Seconda fase: aggiornamento sicuro a unstable ===
=== Seconda fase: aggiornamento sicuro a unstable ===
-
Dopo il riavvio ci si presenta la shell per il login, ora fare il login come root inserendo la relativa password e qui inizia il lavoro.
+
Dopo il riavvio ci si presenta la [[shell]] per il login, ora fare il login come [[root]] inserendo la relativa password e qui inizia il lavoro.<br/>
-
Prima di tutto è necessario modificare il file <code>/etc/apt/sources.list</code> per inserire i repository di Sid, (qui con "nano" ma potrebbe essere valido qualsiasi editor):
+
Prima di tutto è necessario modificare il file <code>/etc/apt/sources.list</code> per inserire i [[repository]] di Sid, (qui con [[nano]], ma potrebbe essere valido qualsiasi editor):
-
<pre>nano /etc/apt/sources.list
+
<pre>
 +
# nano /etc/apt/sources.list
</pre>
</pre>
-
Commentare l'eventuale riga relativa al CD o a Lenny o Squeeze, in pratica dobbiamo avere:
+
Commentare tutte le righe contenute nel file e aggiungere ad esempio:
-
<pre>deb http://debian.fastweb.it/debian/ sid main contrib non-free
+
<pre>
 +
deb http://ftp.it.debian.org/debian/ sid main
 +
deb-src http://ftp.it.debian.org/debian/ sid main
</pre>
</pre>
-
o qualche altro mirror [http://www.debian.org/mirror/list];la voce <code>main</code> è fondamentale, mentre <code>contrib</code> e <code>non-free</code> possono essere inserite nel caso si vogliano aggiungere pacchetti non free.
+
o qualche altro [[mirror]] a propria scelta; la sezione [[main]] è fondamentale e contiene soltanto Software Libero e che rispetta le [[DFSG|Linee Guida Debian sul Free Software]], mentre [[contrib]] e [[non-free]] possono essere inserite nel caso si vogliano aggiungere pacchetti non free, rendendo per esempio il file come segue:
 +
<pre>
 +
deb <nowiki>http://ftp.it.debian.org/debian/</nowiki> sid main '''contrib non-free'''
 +
deb-src <nowiki>http://ftp.it.debian.org/debian/</nowiki> sid main '''contrib non-free'''
 +
</pre>
 +
La riga con <code>deb-src</code> può essere commentata, anteponendo il carattere "<code>#</code>", se non si è interessati ai sorgenti dei pacchetti.
-
Salvare il file con <code>ctrl+o</code> e uscire con <code>ctrl+x</code>.
+
Salvare infine il file e uscire dall'editor (con <code>Ctrl+o</code> e poi <code>Ctrl+x</code> rispettivamente, nel caso si stia usando [[nano]]).
Andare avanti con (di seguito i comandi in sequenza):
Andare avanti con (di seguito i comandi in sequenza):
-
<pre>apt-get update
+
<pre>
-
apt-get upgrade
+
# apt-get update
-
apt-get install apt dpkg aptitude
+
# apt-get install apt dpkg
-
aptitude safe-upgrade
+
# apt-get dist-upgrade
-
aptitude full-upgrade
+
-
update-grub
+
</pre>
</pre>
-
A questo punto si avrà tutto il sistema base aggiornato a Sid, kernel compreso, riavviare e fare il login con il nuovo kernel e continuare per installare il server X e il DE preferito (LXDE, XFCE, Gnome, KDE), gli headers e gli strumenti di compilazione.
+
A questo punto si avrà tutto il sistema base aggiornato a Sid, [[kernel]] compreso, riavviare e sarà possibile effettuare il login (via terminale virtuale) con il nuovo kernel.
-
<pre>aptitude install xorg
+
 
-
aptitude install lxde(o xfce4 o gnome o kde)
+
=== Terza fase: installazione nuovi pacchetti e personalizzazione del sistema ===
-
aptitude install gdm (wdm o kdm o xdm)
+
Per continuare, installare il server X e il [[Desktop Environment|DE]] preferito (LXDE, Xfce, GNOME, KDE, Cinnamon, Mate) per avere un sistema più completo e usabile con interfaccia grafica, basterà:
-
aptitude install build-essential
+
<pre>
-
aptitude install linux-headers-2.6.29-2-686(oppure quello relativo al proprio linux-image)
+
# apt-get install xorg
 +
# apt-get install lxde (oppure: xfce4, gnome, kde-full)
 +
# apt-get install lightdm (oppure: gdm3, sddm)
</pre>
</pre>
-
Infine lanciare gdm ( o kdm o wdm o xdm) fare il login ed entrare nella propria Sid e proseguire con la propria personalizzazione.
+
Infine effettuare il login via il display manager installato ed entrare nella propria Sid e proseguire con la propria personalizzazione.
-
== Metodo diretto ==
+
Per disporre di tutto il software fornito di default per un uso desktop (completo di suite per ufficio LibreOffice e browser Firefox), è possibile anche installare il relativo task, quello previsto per la localizzazione italiana ed eventualmente quello per laptop (se si usasse un portatile):
-
Per risparmiare ancora più tempo (ma con qualche possibile intoppo se tra kernel dell'installer e kernel di Sid c'è un riconoscimento hardware molto differente) preparate come sopra l'immagine di installazione.
+
<pre>
 +
# apt-get install task-lxde-desktop (oppure: task-xfce-desktop, task-gnome-desktop, task-kde-desktop)
 +
# apt-get install task-italian-desktop
 +
# apt-get install task-laptop
 +
</pre>
 +
Al termine ci si troverà con un sistema completo di tutto il software presente se si avesse selezionato l'ambiente desktop e quello laptop in fase di installazione.
-
Allo splash d'avvio selezionare la modalità d'installazione expert.
+
== Metodo diretto ==
 +
Per risparmiare ancora più tempo (ma con qualche possibile intoppo se tra kernel dell'installer e kernel di Sid c'è un riconoscimento hardware molto differente), bisogna scaricare l'immagine <code>mini.iso</code> da qui<sup>[[#Collegamenti esterni|[2]]]</sup> "Altre immagini (netboot, chiavetta USB, ecc.)", selezionare la propria architettura e poi "netboot".<br/>
 +
Allo splash d'avvio selezionare la modalità d'installazione expert: Advanced options -> Expert Install.<br/>
Dopo le domande di configurazione dell'installer vi verrà chiesto quale ramo installare.
Dopo le domande di configurazione dell'installer vi verrà chiesto quale ramo installare.
Riga 64: Riga 74:
'''Enjoy Debian Sid'''
'''Enjoy Debian Sid'''
-
Pagina creata da: xtow e GipPasso per la parte finale
+
== Collegamenti esterni ==
-
----
+
[1] [https://cdimage.debian.org/cdimage/weekly-builds/ Immagini per testing (weekly builds)]<br/>
 +
[2] [https://www.debian.org/devel/debian-installer/ mini.iso]<br/>
 +
 
 +
{{Autori
 +
| Autore = [[Utente:xtow|xtow]]
 +
| Estesa_da =
 +
: [[Utente:GipPasso|GipPasso]]
 +
| Verificata_da =
 +
: [[Utente:Nydebianized|Nydebianized]]
 +
: [[Utente:giovanni.chiodo84|giovanni.chiodo84]]
 +
: [[Utente:a.cotone|a.cotone]]
 +
: [[Utente:Lorenzoz|Lorenzoz]] 19:21, 9 dic 2014 (CET)
 +
: [[Utente:HAL 9000|HAL 9000]] 20:42, 13 apr 2016 (CEST)
 +
: [[Utente:S3v|S3v]] 18:25, 24 giu 2017 (CEST)
 +
| Numero_revisori = 6
 +
}}
-
[[Categoria:Installazione]]
+
[[Categoria:Installazione]] [[Categoria:Aggiornamento]]
-
[[Categoria:Aggiornamento]]
+

Versione attuale delle 12:36, 27 giu 2017

Debian-swirl.png Versioni Compatibili
soltanto:
Debian "Sid" (non recente)

Indice

Introduzione

Come noto per installare Debian possiamo usare una una immagine stable, una immagine settimanale della testing, oppure partire da una mini.iso o da una netinst (si legga la guida sull'installazione di Debian).
Ma se vogliamo installare Debian Sid non troviamo nessuna immagine dedicata. Questa piccola guida vuole spiegare come installare Debian Sid nei due modi principali in cui viene fatto: un metodo indiretto e uno diretto.

Debian Sid non è altro che la versione unstable, ovvero dove tutti i pacchetti confluiscono per essere testati per poi, in caso passare al ramo testing che in conclusione sarà la nuova stable. Non tutti ci passano, molti rimangono in Sid, altri passano in testing anche dopo molti aggiornamenti di rilasci maggiori. Come si intuisce Sid non ha nessun supporto per la sicurezza (se si scopre un baco non viene cambiato il pacchetto Debian, ma si prende una versione più aggiornata alla fonte) ed è fortemente sconsigliata per macchine di produzione. Ma se si vuole sperimentare sapendo dove poter mettere le mani, in caso di qualche imprevisto, allora procediamo.

Warning.png ATTENZIONE
Procedete consci di fare quello che state facendo!


Installazione in tre fasi

Prima fase: installazione testing

Scaricare un'immagine testing da qui[1], masterizzare l'immagine .iso appena scaricata su CD/DVD oppure scriverla su un supporto rimovibile (come una memoria USB o SD card), riavviare il PC con il disco d'installazione, proseguire come una normale installazione, fino a quando viene proposto quali pacchetti installare:

selezionare solo "sistema base"
deselezionare "ambiente desktop"

Proseguire con l'installazione; e alla fine togliere il CD/DVD o la memoria rimovibile, e riavviare. Per velocizzare l'operazione di preparazione del mezzo di installazione (ed evitare ogni spreco di materiale se non si hanno supporti riscrivibili a disposizione o una memoria USB o SD card) da rete (sistema PXE supportato da almeno tutti gli anni '80 su praticamente tutti i fissi e portatili).

Seconda fase: aggiornamento sicuro a unstable

Dopo il riavvio ci si presenta la shell per il login, ora fare il login come root inserendo la relativa password e qui inizia il lavoro.
Prima di tutto è necessario modificare il file /etc/apt/sources.list per inserire i repository di Sid, (qui con nano, ma potrebbe essere valido qualsiasi editor):

# nano /etc/apt/sources.list

Commentare tutte le righe contenute nel file e aggiungere ad esempio:

deb http://ftp.it.debian.org/debian/ sid main
deb-src http://ftp.it.debian.org/debian/ sid main

o qualche altro mirror a propria scelta; la sezione main è fondamentale e contiene soltanto Software Libero e che rispetta le Linee Guida Debian sul Free Software, mentre contrib e non-free possono essere inserite nel caso si vogliano aggiungere pacchetti non free, rendendo per esempio il file come segue:

deb http://ftp.it.debian.org/debian/ sid main '''contrib non-free'''
deb-src http://ftp.it.debian.org/debian/ sid main '''contrib non-free'''

La riga con deb-src può essere commentata, anteponendo il carattere "#", se non si è interessati ai sorgenti dei pacchetti.

Salvare infine il file e uscire dall'editor (con Ctrl+o e poi Ctrl+x rispettivamente, nel caso si stia usando nano).

Andare avanti con (di seguito i comandi in sequenza):

# apt-get update
# apt-get install apt dpkg
# apt-get dist-upgrade

A questo punto si avrà tutto il sistema base aggiornato a Sid, kernel compreso, riavviare e sarà possibile effettuare il login (via terminale virtuale) con il nuovo kernel.

Terza fase: installazione nuovi pacchetti e personalizzazione del sistema

Per continuare, installare il server X e il DE preferito (LXDE, Xfce, GNOME, KDE, Cinnamon, Mate) per avere un sistema più completo e usabile con interfaccia grafica, basterà:

# apt-get install xorg
# apt-get install lxde (oppure: xfce4, gnome, kde-full)
# apt-get install lightdm (oppure: gdm3, sddm)

Infine effettuare il login via il display manager installato ed entrare nella propria Sid e proseguire con la propria personalizzazione.

Per disporre di tutto il software fornito di default per un uso desktop (completo di suite per ufficio LibreOffice e browser Firefox), è possibile anche installare il relativo task, quello previsto per la localizzazione italiana ed eventualmente quello per laptop (se si usasse un portatile):

# apt-get install task-lxde-desktop (oppure: task-xfce-desktop, task-gnome-desktop, task-kde-desktop)
# apt-get install task-italian-desktop
# apt-get install task-laptop

Al termine ci si troverà con un sistema completo di tutto il software presente se si avesse selezionato l'ambiente desktop e quello laptop in fase di installazione.

Metodo diretto

Per risparmiare ancora più tempo (ma con qualche possibile intoppo se tra kernel dell'installer e kernel di Sid c'è un riconoscimento hardware molto differente), bisogna scaricare l'immagine mini.iso da qui[2] "Altre immagini (netboot, chiavetta USB, ecc.)", selezionare la propria architettura e poi "netboot".
Allo splash d'avvio selezionare la modalità d'installazione expert: Advanced options -> Expert Install.
Dopo le domande di configurazione dell'installer vi verrà chiesto quale ramo installare.

Indicate Sid/Unstable e procedete con un'installazione diretta di Sid. Ovviamente sperate di fare questo passo in un momento in cui non ci siano grosse inconsistenze negli archivi di pacchetti e avrete una Sid si potrebbe dire "distillata".

Enjoy Debian Sid

Collegamenti esterni

[1] Immagini per testing (weekly builds)
[2] mini.iso




Guida scritta da: xtow

Swirl-auth100.png Guida Debianized

Estesa da:
GipPasso
Verificata da:
Nydebianized
giovanni.chiodo84
a.cotone
Lorenzoz 19:21, 9 dic 2014 (CET)
HAL 9000 20:42, 13 apr 2016 (CEST)
S3v 18:25, 24 giu 2017 (CEST)

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti