I repository ed il loro utilizzo

Da Guide@Debianizzati.Org.

(Differenze fra le revisioni)
m (sistemato anchor, aggiunto non-free anche a security)
m (dimenticato un pezzo :))
Riga 27: Riga 27:
   
   
   ## Aggiornamenti della sicurezza
   ## Aggiornamenti della sicurezza
-
   deb http://security.debian.org/ wheezy/updates main contrib
+
   deb http://security.debian.org/ wheezy/updates main contrib non-free
-
   #deb-src http://security.debian.org/ wheezy/updates main contrib
+
   #deb-src http://security.debian.org/ wheezy/updates main contrib non-free
</pre>
</pre>
Riga 46: Riga 46:
   
   
   ## Aggiornamenti della sicurezza
   ## Aggiornamenti della sicurezza
-
   deb http://security.debian.org/ lenny/updates main contrib
+
   deb http://security.debian.org/ lenny/updates main contrib non-free
-
   #deb-src http://security.debian.org/ lenny/updates main contrib
+
   #deb-src http://security.debian.org/ lenny/updates main contrib non-free
</pre>
</pre>

Versione delle 23:23, 1 apr 2011

Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Tutte le versioni supportate di Debian

Indice

Introduzione

Il repository è a tutti gli effetti un archivio ordinato dove sono raccolti i pacchetti Debian (siano essi pacchetti binari o sorgenti) in modo ben organizzato e costantemente aggiornato. In ogni sistema Debian i repository utilizzati vengono indicati nel file /etc/apt/sources.list. Vedi anche FAQ: Cos'è un repository?.

Lista repository ufficiali Debian

Di seguito troverete l'elenco dei repository ufficiali da inserire nel file /etc/apt/sources.list per le varie versioni di Debian. Il mirror è quello italiano. I repository dei pacchetti sorgente sono commentati. Per ulteriori informazioni leggere la sezione: Sources.list.

Stabile: Debian Squeeze

  ## Debian Stable (Squeeze)
  deb http://ftp.it.debian.org/debian/ squeeze main contrib non-free
  #deb-src http://ftp.it.debian.org/debian/ squeeze main contrib non-free
 
  ## Aggiornamenti della sicurezza
  deb http://security.debian.org/ squeeze/updates main contrib non-free
  #deb-src http://security.debian.org/ squeeze/updates main contrib non-free

Per avere pacchetti più aggiornati su Squeeze si possono usare i backport:

Testing: Debian Wheezy

  ## Debian Testing (Wheezy)
  deb http://ftp.it.debian.org/debian/ wheezy main contrib non-free
  #deb-src http://ftp.it.debian.org/debian/ wheezy main contrib non-free
 
  ## Aggiornamenti della sicurezza
  deb http://security.debian.org/ wheezy/updates main contrib non-free
  #deb-src http://security.debian.org/ wheezy/updates main contrib non-free

Instabile: Debian Sid

  ## Debian Unstable (Sid)
  deb http://ftp.it.debian.org/debian/ unstable main contrib non-free
  #deb-src http://ftp.it.debian.org/debian/ unstable main contrib non-free

Per Sid non c'è il repository per la sicurezza dato che eventuali falle vengono corrette semplicemente con l'aggiornamento del pacchetto incriminato.

Vecchia stabile: Debian Lenny

  ## Debian old-stable (Lenny)
  deb http://ftp.it.debian.org/debian/ lenny main contrib non-free
  #deb-src http://ftp.it.debian.org/debian/ lenny main contrib non-free
 
  ## Aggiornamenti della sicurezza
  deb http://security.debian.org/ lenny/updates main contrib non-free
  #deb-src http://security.debian.org/ lenny/updates main contrib non-free

I repository speciali

Debian proposed updates

# proposed updates per la prossima point release (stabile)
deb http://ftp.it.debian.org/debian stable-proposed-updates main contrib non-free
# proposed updates per la prossima point release (old-stable)
deb http://ftp.us.debian.org/debian oldstable-proposed-updates main contrib non-free

Alcuni aggiornamenti per determinati pacchetti vengono rinviati al rilascio della successiva point-release della versione stabile (o vecchia stabile) di Debian. Se non si vuole aspettare la point-release si può utilizzare questo repository per installare immediatamente gli aggiornamenti proposti.
Prima di entrare in questo archivio, tutti i pacchetti proposti dagli sviluppatori sono controllati dallo "Stable Release Team" di Debian che decide se accettarli o respingerli.

Debian updates

deb http://ftp.it.debian.org/debian stable-updates main contrib non-free

Questo archivio sostituisce l'archivio "Volatile" a partire dal rilascio di Debian 6.0 "Squeeze". I pacchetti contenuti in questo repository soddisfano le seguenti caratteristiche:

Tutti i pacchetti contenuti in questo repository saranno anche inclusi nella successiva point-release (es. nella 6.0.1).

Debian experimental

Come lascia intuire già il nome, in questo repository si trovano pacchetti appena rilasciati o in una fase iniziale di sviluppo. Non si dovrebbero scaricare pacchetti da qui a meno che non si sappia esattamente cosa si sta facendo.
Per citare le Debian FAQ, questi pacchetti possono essere pericolosi e dannosi anche per i più esperti.. La loro installazione può portare all'instabilità o inusabilità dell'intero sistema oppure introdurre serie falle alla sua sicurezza.

  ## Debian experimental
  deb http://ftp.debian.org/debian experimental main contrib non-free


Debian Volatile

Warning.png ATTENZIONE
Il repository Debian volatile non è più mantenuto a partire dal rilascio di Debian Squeeze ed è stato sostituito da squeeze-updates Vedere qui per l'annuncio ufficiale.


Cos'è debian-volatile? Alcuni pacchetti (come quelli per il filtraggio dello spam e per la scansione dei virus) dovendo usare dati aggiornati tendono ad essere dei bersagli mobili che non funzionano al meglio per tutto il ciclo di vita di una release stable. Lo scopo principale di volatile è di permettere agli amministratori di aggiornare i loro sistemi in maniera semplice ed ordinata, senza dover affrontare gli svantaggi dati dall'uso di unstable. Per cui debian-volatile contiene solo i cambiamenti a programmi stabili che permettono di mantenerli intatti, funzionali e aggiornati.

  ## Debian Volatile (lenny)
  deb http://volatile.debian.org/debian-volatile lenny/volatile main contrib non-free

Debian Volatile/Sloppy

Cos'è debian-volatile/sloppy? Per i pacchetti che finiscono nella sezione debian-volatile, si cerca di assicurare che le nuove versioni non introducano modifiche funzionali ai programmi o che necessitino della supervisione degli amministratori dei file di configurazione per essere installati. Quei programmi che non rispettano questi requisiti per essere aggiornati finiscono nell'archivio volatile-sloppy. Notare che per usare volatile-sloppy è necessario attivare anche l'archivio volatile.

  ## Debian Volatile (Etch)
  deb http://volatile.debian.org/debian-volatile etch/volatile-sloppy main contrib non-free
  ## Debian Volatile (Lenny)
  deb http://volatile.debian.org/debian-volatile lenny/volatile-sloppy main contrib non-free

Link utili

Per maggiori informazioni, visitare la pagina: http://www.debian.org/volatile/
Una lista dettagliata dei mirror dell'archivio volatile si può trovare qui: http://www.debian.org/volatile/volatile-mirrors

Vecchie distribuzioni

Se si ha la necessità di accedere ai repository per distribuzioni antecedenti la Debian 5.0 (Lenny), si può visitare la pagina dedicata agli Archivi Debian
Per queste release non sono più previsti aggiornamenti di sicurezza (repository security).

Lista repository non ufficiali

Per una lista dei repository non ufficiali più diffusi vedere: Repository non ufficiali.

La Struttura dei repository

Un repository è suddivisibile, grossomodo, in due sezioni:

La Suddivisione del repository

Navigando un po' tra gli archivi Debian, si nota subito una particolare suddivisione: i repository, infatti, sono divisi in main, contrib e non-free, nel modo seguente:

Sources.list

Il ruolo fondamentale

Il file /etc/apt/sources.list è forse il più importante file di configurazione del sistema di gestione dei pacchetti Debian. Esso, infatti, contiene l'elenco e gli indirizzi dei repository a cui apt accede.

Ordine di Inserimento

È importante inserire i repository con un giusto ordine: i primi in elenco, infatti, sono i più importanti (o favoriti). Per migliorare le performance, è consigliabile ordinarli per velocità (es. prima il CD-ROM, poi la rete locale, poi internet, ecc.).

Sintassi

Ogni riga che descrive un repository ha una ben determinata sintassi:

deb[-src] <URI> <distribuzione> [componente/i]

Analizziamo i singoli componenti:

Alcuni esempi

Non c'è niente di meglio, per capire la sintassi del file sources.list, di un po' di esempi.

I repository ufficiali (binari e sorgenti) presi da un mirror italiano:

deb http://ftp.it.debian.org/debian/ stable main non-free contrib
deb-src http://ftp.it.debian.org/debian/ stable main non-free contrib

Il repository di apt-build (Rif. 7.1 Pag. [*]):

deb file:/var/cache/apt-build/repository apt-build main

Un repository 'artigianale' accessibile tramite un webserver:

deb http://repos.debianizzati.org ./

Un repository situato nella home dell'utente maxer, creato con dpkg-scanpackages:

deb file:/home/maxer/repos ./

Per altri repository vedere: Lista repository ufficiali Debian e Repository non ufficiali.

Sources.list aggiuntivi

A volte può capitare di avere l'esigenza di avere più di un file contenente la lista dei repository da cui scaricare i pacchetti. Questo può capitare nel caso il file sources.list inizi a contenere un numero molto elevato di righe oppure perché si vogliono utilizzare dei repository diversi per le normali operazioni sui pacchetti.

Per far ciò è possibile creare dei semplici file di testo, contenenti gli indirizzi dei repository, nella directory /etc/apt/sources.list.d . La sintassi da utilizzare al loro interno è uguale a quella del file sources.list; si può scegliere liberamente il nome da assegnare ai file purché termini con l'estensione .list

Una volta creati i file aggiuntivi, questi verranno considerati da APT come se le righe al loro interno fossero presenti all'interno del file sources.list.

È possibile anche specificare un file, contenente gli indirizzi dei repository, che non si trova all'interno della directory /etc/apt/sources.list.d. Ad esempio, se il repository da cui abitualmente scarichiamo/aggiorniamo i pacchetti è irraggiungibile, basta creare un file (nell'esempio chiamato nomefile.list) contenente dei repository appartenenti ad un diverso mirror ed eseguire:

# apt-get -o Dir::Etc::SourceList=/percorso/del/file/nomefile.list update

Bisogna specificare obbligatoriamente il percorso completo del file se questo non si trova nella directory /etc/apt/sources.list.d


MaXeR

Corretto l'8/2/2011 da Ernestus

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti