ClamAV: scansione antivirus delle condivisioni Samba

Da Guide@Debianizzati.Org.

(Differenze fra le revisioni)
m (verificata)
 
(15 revisioni intermedie non mostrate.)
Riga 1: Riga 1:
-
{{Versioni compatibili|Debian Etch 4.0<br/>Debian Lenny 5.0<br/>Debian Squeeze<br/>Debian Sid|}}
+
{{SAMBA
-
== Come impostare ClamAV per effettuare scansioni di condivisioni Samba ==
+
|precedente=Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio Active Directory con Debian Wheezy
 +
|successivo=Sfogliare la rete in Thunar con fusesmb}}{{Versioni compatibili|Jessie|Stretch|Buster}}
 +
 
== Introduzione ==
== Introduzione ==
ClamAV è un ottimo antivirus opensource, in grado di competere con i più blasonati antivirus commerciali.<br/>
ClamAV è un ottimo antivirus opensource, in grado di competere con i più blasonati antivirus commerciali.<br/>
Installato su un server Samba può facilmente essere configurato per effettuare una scansione programmata delle condivisioni Samba, in modo da evitare che eventuali virus portati da un qualche client Windows si diffondano su tutta la sottorete delle macchine Microsoft.
Installato su un server Samba può facilmente essere configurato per effettuare una scansione programmata delle condivisioni Samba, in modo da evitare che eventuali virus portati da un qualche client Windows si diffondano su tutta la sottorete delle macchine Microsoft.
 +
== Installazione ==
== Installazione ==
-
Per installare ClamAV basta digitare i comandi:
+
Per installare ClamAV basta digitare questi comandi, con [[privilegi di amministrazione]]:
<pre>
<pre>
-
# apt-get update
+
# apt update
-
# apt-get install clamav
+
# apt install clamav
-
</pre>
+
-
Saranno così installati i seguenti pacchetti:
+
-
<pre>
+
-
clamav clamav-base clamav-freshclam libbz2-1.0 libclamav1 libcurl3 libgmp3 libidn11 ucf
+
</pre>
</pre>
 +
Saranno così installati tutti i pacchetti necessari, e in particolare <code>clamav-freshclam</code>, contenente il demone per l'aggiornamento automatico del database dei virus.
 +
== Aggiornamento delle definizioni dei virus ==
== Aggiornamento delle definizioni dei virus ==
-
Il tool fornito da ClamAV per aggiornare il database dei virus si chiama <code>freshclam</code> e può funzionare in due modi:
+
Il tool fornito da ClamAV per aggiornare il database dei virus si chiama per l'appunto <code>freshclam</code> e può funzionare in due modi:
-
* interactive - lanciato manualmente da shell
+
* interactive - lanciato manualmente da [[shell]];
-
* daemon - avviato come servizio di sistema
+
* daemon - avviato come servizio di sistema, che rappresenta il default.
 +
 
Freshclam è un tool molto avanzato, nonostante la sua apparenza scarna: supporta la verifica delle signature e del database attraverso DNS, supporta l'autenticazione via proxy server, le firme digitali e ha una gestione avanzata degli errori. Per verificare il suo corretto funzionamento basta eseguirlo in maniera interattiva, senza specificare alcuna opzione:
Freshclam è un tool molto avanzato, nonostante la sua apparenza scarna: supporta la verifica delle signature e del database attraverso DNS, supporta l'autenticazione via proxy server, le firme digitali e ha una gestione avanzata degli errori. Per verificare il suo corretto funzionamento basta eseguirlo in maniera interattiva, senza specificare alcuna opzione:
<pre>
<pre>
# freshclam
# freshclam
</pre>
</pre>
-
Se non sono stati segnalati errori, avviamo freshclam in modalità demone:
+
 
 +
Per controllare l'uso del demone, che dovrebbe essere già in funzione, è sufficiente:
<pre>
<pre>
-
# freshclam -d
+
# service clamav-freshclam status
</pre>
</pre>
-
La specifica di un proxy server è configurabile nel file di configurazione di freshclam <code>/etc/clamav/freshclam.conf</code>, aggiungendo le righe:
+
E se fosse necessario avviarlo, basterebbe:
 +
<pre>
 +
# service clamav-freshclam start
 +
</pre>
 +
 
 +
La specifica di un proxy server è configurabile nel file di configurazione <code>/etc/clamav/freshclam.conf</code>, aggiungendo le righe:
<pre>
<pre>
HTTPProxyServer myproxyserver.com
HTTPProxyServer myproxyserver.com
Riga 32: Riga 40:
HTTPProxyUsername myusername
HTTPProxyUsername myusername
HTTPProxyPassword mypass
HTTPProxyPassword mypass
 +
</pre>
 +
 +
Per rendere effettivi i cambiamenti al file di configurazione, sarà necessario riavviare il demone con:
 +
<pre>
 +
# service clamav-freshclam restart
</pre>
</pre>
Riga 39: Riga 52:
# clamscan -r /directory/da/controllare
# clamscan -r /directory/da/controllare
</pre>
</pre>
-
Su macchine server, però, probabilmente si vorrà automatizzare il procedimento. In questo caso è sufficiente editare il crontab di root
+
 
 +
Su macchine server, però, probabilmente si vorrà automatizzare il procedimento. In questo caso è sufficiente editare il [[crontab]] di [[root]]:
<pre>
<pre>
# crontab -e
# crontab -e
Riga 48: Riga 62:
00 00 * * * clamscan -r /directory/da/controllare
00 00 * * * clamscan -r /directory/da/controllare
</pre>
</pre>
 +
La configurazione presa in esame prevede una scansione ogni giorno a mezzanotte.
La configurazione presa in esame prevede una scansione ogni giorno a mezzanotte.
-
== Per approfondimenti ==
+
 
 +
== Approfondimenti ==
 +
=== Debianizzati ===
[[Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio]]<br/>
[[Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio]]<br/>
[[Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio con Debian Etch]]<br/>
[[Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio con Debian Etch]]<br/>
[[Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio con Debian Lenny]]<br/>
[[Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio con Debian Lenny]]<br/>
[[Implementare un'architettura ridondante master/slave OpenLDAP]]<br/>
[[Implementare un'architettura ridondante master/slave OpenLDAP]]<br/>
-
[[Scansione antivirus con ClamAV su condivisioni Samba]]<br/>
 
[[Accedere alle condivisioni Samba dal browser]]<br/>
[[Accedere alle condivisioni Samba dal browser]]<br/>
-
[[Creare un Cestino di rete per le condivisioni Samba]]<br/>
+
[[Samba: creare un cestino di rete per le condivisioni]]<br/>
-
<br/>
+
 
-
<br/>
+
{{Autori
-
: [[Utente:Ferdybassi|Ferdybassi]]
+
|Autore = [[Utente:Ferdybassi|Ferdybassi]]
-
----
+
|Verificata_da =
 +
: [[Utente:HAL 9000|HAL 9000]] 13:15, 8 set 2019 (CEST)
 +
|Numero_revisori = 1
 +
}}
 +
 
[[Categoria:Debian e sicurezza]]
[[Categoria:Debian e sicurezza]]
 +
[[Categoria:Reti con Windows]]
[[Categoria:Samba]]
[[Categoria:Samba]]

Versione attuale delle 12:15, 8 set 2019

Samba
Arrow left.png

Condivisione risorse

Controller di dominio

Altro

Arrow right.png


Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Debian 8 "Jessie"
Debian 9 "Stretch"
Debian 10 "Buster"

Indice

Introduzione

ClamAV è un ottimo antivirus opensource, in grado di competere con i più blasonati antivirus commerciali.
Installato su un server Samba può facilmente essere configurato per effettuare una scansione programmata delle condivisioni Samba, in modo da evitare che eventuali virus portati da un qualche client Windows si diffondano su tutta la sottorete delle macchine Microsoft.

Installazione

Per installare ClamAV basta digitare questi comandi, con privilegi di amministrazione:

# apt update
# apt install clamav

Saranno così installati tutti i pacchetti necessari, e in particolare clamav-freshclam, contenente il demone per l'aggiornamento automatico del database dei virus.

Aggiornamento delle definizioni dei virus

Il tool fornito da ClamAV per aggiornare il database dei virus si chiama per l'appunto freshclam e può funzionare in due modi:

Freshclam è un tool molto avanzato, nonostante la sua apparenza scarna: supporta la verifica delle signature e del database attraverso DNS, supporta l'autenticazione via proxy server, le firme digitali e ha una gestione avanzata degli errori. Per verificare il suo corretto funzionamento basta eseguirlo in maniera interattiva, senza specificare alcuna opzione:

# freshclam

Per controllare l'uso del demone, che dovrebbe essere già in funzione, è sufficiente:

# service clamav-freshclam status 

E se fosse necessario avviarlo, basterebbe:

# service clamav-freshclam start 

La specifica di un proxy server è configurabile nel file di configurazione /etc/clamav/freshclam.conf, aggiungendo le righe:

HTTPProxyServer myproxyserver.com
HTTPProxyPort 1234
HTTPProxyUsername myusername
HTTPProxyPassword mypass

Per rendere effettivi i cambiamenti al file di configurazione, sarà necessario riavviare il demone con:

# service clamav-freshclam restart

Scansione delle condivisioni Samba

Per effettuare una scansione manuale di una directory, basta lanciare il comando:

# clamscan -r /directory/da/controllare

Su macchine server, però, probabilmente si vorrà automatizzare il procedimento. In questo caso è sufficiente editare il crontab di root:

# crontab -e

aggiungendo le linee seguenti:

## Configuro una scansione automatica con clamav
00 00 * * * clamscan -r /directory/da/controllare

La configurazione presa in esame prevede una scansione ogni giorno a mezzanotte.

Approfondimenti

Debianizzati

Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio
Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio con Debian Etch
Samba e OpenLDAP: creare un controller di dominio con Debian Lenny
Implementare un'architettura ridondante master/slave OpenLDAP
Accedere alle condivisioni Samba dal browser
Samba: creare un cestino di rete per le condivisioni




Guida scritta da: Ferdybassi

Swirl-auth40.png Debianized 40%

Estesa da:
Verificata da:
HAL 9000 13:15, 8 set 2019 (CEST)

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti