Wake On Lan

Da Guide@Debianizzati.Org.

Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Debian 6 "Squeeze"
Debian 7 "Wheezy"
Debian 8 "Jessie"
Verificala con Stretch

Indice

Introduzione

Il Wake On Lan è una funzione molto utile che permette di accendere il proprio computer a distanza dall'interno della propria rete locale. Molte schede di rete, soprattutto gli ultimi chip integrati, supportano questa caratteristica che in alcuni casi si può rivelare davvero molto utile. Immaginate ad esempio di avere due PC in due stanze o uffici diverse dello stesso piano o perché no, proprio in due piani diversi e di essere impegnati sulla prima postazione. Vi ricordate però che avete bisogno di andare a controllare un documento che sta sull'altro computer e pensate di aprire VNC ma purtroppo la seconda postazione è ancora spenta e quindi non vi potete collegare. A questo punto solo una cosa vi può aiutare: il MagicPacket™!

Preparazione

La prima cosa da fare è assicurarsi che il proprio BIOS sia configurato per accettare il wake on lan. Ogni produttore di schede madri fa storia a se, quindi il lettore dovrà autonomamente controllare che la o le impostazioni necessarie siano attivate.

Fatto questo è necessario installare due/tre programmi:

Per installarli è sufficiente, con privilegi di amministrazione:

# apt-get install ethtool etherwake wakeonlan

Utilizzo di ethtool

All'avvio del computer entrate nel BIOS e attivate il Wake-On-Lan; solitamente trovate l'impostazione sotto la voce Power Management Setup.

Una volta avviato Linux lanciate:

# ethtool eth0
Warning.png ATTENZIONE
in questo e nei futuri esempi, sostituite eth0 con il nome corrispondente alla scheda di rete che state usando!


A questo punto dovreste vedere una serie di informazioni tra cui qualcosa di simile a questo:

        Supports Wake-on: g
        Wake-on: d

La voce Supports Wake-on specifica i metodi di wake-on supportati dalla vostra scheda di rete; se non la vedete è un brutto segno! La voce Wake-on specifica il metodo in uso; d sta per disabled mentre g è quello che andremo ad usare (Wake on MagicPacket™). Se per qualche motivo avete già la voce Wake-on impostata a g potete terminare qui la lettura di questa pagina ;)

Per impostare il metodo a g assicuratevi di avere la lettera g tra quelle che seguono la voce Supports Wake-on e poi digitate:

# ethtool -s eth0 wol g

Se rilanciate:

# ethtool eth0

dovreste avere Wake-on: g.

A questo punto spegnendo il computer lo potrete accendere da un'altra postazione usando o etherwake o wakeonlan.

Risveglio del computer remoto

Sia etherwake che wakeonlan permettono di inviare un MagicPacket™ alla scheda di rete del PC che volete avviare, accendendolo. Poiché per ipotesi il PC obiettivo è spento non sarà possibile contattarlo tramite un indirizzo IP, ma sarà invece necessario usare il suo indirizzo fisico (MAC Address).

Il MAC Address del PC di destinazione è ottenibile solo quando questo è acceso (a meno che per una qualche ragione esso non sia già noto), quindi sarà necessario poter accendere manualmente tale computer almeno una volta. Da terminale digitare allora:

# ifconfig

ed individuate la riga:

eth0      Link encap:Ethernet  '''HWaddr 00:50:6D:EA:A2:DC'''

Il MAC Address è la parte che segue la dicitura HWaddr ovvero, nel nostro esempio, 00:50:6D:EA:A2:DC.

Segnatevi il MAC Address e dopo aver impostato il metodo di wake-on a g sul PC di destinazione, spegnetelo e recatevi sull'altra postazione.

Etherwake

Questo applicativo richiede i permessi di root per essere eseguito. Da terminale digitare:

# etherwake <mac address> -D

esempio:
# etherwake 00:50:6D:EA:A2:DC -D

L'opzione -D serve solo ad avere in output qualche informazione in più sull'operazione.

Warning.png ATTENZIONE
se il PC da accendere ha una scheda madre con chipset nForce ed è collegato alla rete con la scheda di rete integrata allora dovrete invertire il MAC Address quando usate etherwake. Il driver forcedeth che controlla le schede di rete delle schede madri basate su nForce infatti, allo spegnimento del PC, scrive il MAC Address dentro alla scheda di rete, rovesciandolo. Non dovrete quindi digitare:
# etherwake 00:50:6D:EA:A2:DC -D

ma piuttosto:

# etherwake DC:A2:EA:6D:50:00 -D


Wake On Lan

Questo applicativo può essere usato anche con i privilegi dell'utente normale. Digitare allora:

$ wakeonlan <macaddress>

per esempio

$ wakeonlan 00:50:6D:EA:A2:DC

Ultimi ritocchi

Se tutto è andato per il verso giusto, il secondo PC dovrebbe essersi acceso. Ora, se il PC è partito, potrebbe capitare che, lanciando nuovamente:

# ethtool eth0

il metodo di wake-on ritorni a d.
Per far si che ogni volta che accendete il computer il metodo usato sia g , è sufficiente modificare il file /etc/rc.local inserendo, subito prima dell'istruzione "exit 0", la riga:

ethtool -s eth0 wol g

Metodo alternativo

Un metodo alternativo che non richiede la modifica dello script di avvio è quello di inserire l'abilitazione della funzione wake quando l'interfaccia di rete viene avviata. Per fare questo si può inserire una specifica direttiva in /etc/network/interfaces, ad esempio:

Da Squeeze in avanti

auto eth0
iface eth0 inet static
       address 192.168.1.2
       netmask 255.255.255.0
       gateway 192.168.1.1
       ethernet-wol g

Notare l'aggiunta della direttiva ethernet-wol.

Prima di Squeeze

auto eth0
iface eth0 inet static
       address 192.168.1.2
       netmask 255.255.255.0
       gateway 192.168.1.1
       up ethtool -s eth0 wol g

Notare l'aggiunta della direttiva up.

Alcune note finali

Conclusioni

La tecnologia Wake-On-Lan si può rendere utile solo nei rari casi in cui si disponga di una LAN con postazioni molto distanti tra loro, tuttavia in tali situazioni si rivela una risorsa davvero preziosa che può aiutare tra le altre cose a risparmiare energia, spegnendo i computer non usati "perché tanto poi ...".




Guida scritta da: Virtual DarKness 16:58, Giu 23, 2005 (EDT)

Swirl-auth40.png Debianized 40%

Estesa da:
Verificata da:
Wtf 00:18, 15 set 2015 (CEST)

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti