Apache HTTP Server

Da Guide@Debianizzati.Org.

Debian-swirl.png Versioni Compatibili
Tutte le versioni supportate di Debian

Indice

Introduzione

Dalla pagina dedicata di wikipedia:

Apache HTTP Server, o più comunemente Apache (IPA pronuncia: /aˈpætʃiː/), è il nome di un server web libero sviluppato dalla Apache Software Foundation. È la piattaforma server Web modulare più diffusa, in grado di operare su una grande varietà di sistemi operativi, tra cui UNIX/Linux, Microsoft Windows e OpenVMS.

Per usare parole più semplici un webserver è banalmente un applicativo usato per servire pagine web, ovvero è ciò che effettivamente rende disponibili agli utenti le pagine web che gli utenti richiedono quando inseriscono un indirizzo nel proprio browser.

Info.png Info
Questa guida fa riferimento alle versioni di apache 2.4 e successive.


Per una guida dedicata a Stretch che tratta un server LAMP nel suo complesso vedere questa pagina.

Installazione

Come scritto nell'introduzione Apache è un programma modulare e pertanto i pacchetti disponibili sono una miriade, ma per un'installazione base quelli che servono sono i seguenti:

# apt install apache 2 apache2-doc apache2-utils

Eventuali moduli aggiuntivi necessari saranno indicati ove richiesti.

Avvertimento "Could not reliably ... 127.0.0.1 ..."

Se durante l'installazione e/o ogni volta che si riavvia il webserver si nota il seguente avvertimento

apache2: Could not reliably determine the server's fully qualified domain name, using 127.0.0.1 for ServerName

Significa che il webserver non è in grado di determinare quale sia il suo nome di rete, fatto assolutamente comune nel caso di server domestici. Non si tratta di un errore critico in ambiti amatoriali, tuttavia è meglio risolvere il problema. Se non sia hanno server DNS installati la soluzione più semplice è quella di editare il file /etc/hosts aggiungendo una riga del tipo:

indirizzo_ip    nome_host.home.lan    nome_host

Dove indirizzo_ip è semplicemente l'indirizzo di rete locale del proprio webserver (es. 192.168.1.1), nome_host è il nome della macchina e home.lan è un dominio fittizio che può assumere qualunque valore nell'ipotesi di una comune rete domestica senza controller di rete o server DNS che gestiscano gli indirizzi LAN.
Esempio di file /etc/hosts:

127.0.0.1       localhost
192.168.1.1     pippo.home.lan     pippo

# The following lines are desirable for IPv6 capable hosts
::1     localhost ip6-localhost ip6-loopback
ff02::1 ip6-allnodes
ff02::2 ip6-allrouters

Se ciò non fosse vero, per esempio perché si sta usando una VPS remota, evidentemente sarà necessario avere un dominio registrato ed inserire i dati corretti (ma si tratterebbe di un caso di utilizzo avanzato e pertanto chi legge dovrebbe già avere le competenze per risolvere il problema).

Moduli aggiuntivi

PHP

Uno dei moduli più gettonati è senz'altro quello che permette l'integrazione di Apache con PHP:

# apt install libapache2-mod-php

Configurazione

Warning.png ATTENZIONE
Ogni qualvolta si aggiunge un file di configurazione, o se ne modifica uno sistente, è SEMPRE necessario riavviare il webserver col comando systemctl apache2 restart (sono richiesti i privilegi di root). Diversamente tali aggiunte/variazioni non verranno caricate, ovvero non saranno effettive.


Ci sono fondamentalmente quattro elementi (file e cartelle) per la configurazione di Apache2:

/etc/apache2/ports.conf

La direttiva principale da dichiarare in questo file è Listen numero_porta.
Di default il file creato durante l'installazione contiene quanto segue:

# If you just change the port or add more ports here, you will likely also
# have to change the VirtualHost statement in
# /etc/apache2/sites-enabled/000-default.conf

Listen 80

<IfModule ssl_module>
        Listen 443
</IfModule>

<IfModule mod_gnutls.c>
        Listen 443
</IfModule>

# vim: syntax=apache ts=4 sw=4 sts=4 sr noet

dove si può notare al primo posto la direttiva Listen 80 che istruisce il webserver ad usare la porta numero 80 per le sue comunicazioni in chiaro (protocollo http). Non essendo specificato alcun indirizzo IP Apache rimarrà in ascolto su tutte le interfacce di rete disponibili (ma sempre e solo usando la porta 80).

Info.png Nota
È possibile dichiarare più volte la direttiva Listen, in modo da permettere ad Apache di rimanere in ascolto su più interfacce e/o porte.

Sono inoltre presenti altri due blocchi (che hanno la stessa funzione dell'operatore logico "SE") nel caso si utilizzi la cifratura SSL (protocollo https), dove si specifica la porta numero 443.

Warning.png ATTENZIONE
Come sempre quando un servizio (Apache in questo caso) necessità di ricevere connessioni dal mondo esterno (tipicamente internet ) è necessario che l'eventuale firewall di rete (tipicamente quello in esecuzione sul proprio router) sia configurato in modo da reindirizzare correttamente le porte specificate. Si noti che tale operazione essendo specifica per ogni firewall/dispositivo non può essere trattata in questa guida (inoltre è sconsigliato provare a configurare un webserver se non si è nemmeno in grado di configurare opportunamente il proprio firewall).


Nei casi più comuni per utenti SOHO non vi è alcuna necessità di cambiare alcunché in questo file, tuttavia val la pena citare la possibilità di specificare un indirizzo IP oltre al numero di porta. In tale caso il webserver rimarrà in ascolto esclusivamente sull'interfaccia di rete cui corrisponde detto indirizzo, ad esempio specificando:

Listen 192.168.1.1:80

il webserver accetterà connessioni che provengano esclusivamente dall'interfaccia avente IP 192.168.1.1, sempre limitatamente alla sola porta 80.

Info.png Nota
L'installazione base sebbene presenti già alcuni elementi di configurazione utili per servire pagine tramite https non è sufficiente a tale proposito, l'installazione dei certificati SSL è infatti ancora a carico dell'utente. Si veda l'apposita sezione di questa guida per maggiori informazioni.


/etc/apache2/conf-available/

Come già scritto questa directory può essere usata per salvare file di configurazione opzionali e/o aggiuntivi, ovvero per evitare di mettere mano direttamente al file di configurazione principale di apache (quindi principalmente per una questione di ordine).
È anche possibile usare questa cartella per la configurazione di applicativi extra come phpmyadmin (invece di usare la directory dedicata a normali siti web).

Attivazione configurazioni aggiuntive

Tutte le configurazioni specificate in /etc/apache2/conf-available/ non sono caricate a meno che non vengano prima attivate creando un collegamento simbolico in </code>/etc/apache2/conf-enabled/</code>.
Posto ad esempio di avere creato una propria configurazione aggiuntiva /etc/apache2/conf-available/mia_configurazione.conf la si può abilitare con il comando a2enconf, cioè digitando

# a2enconf mia_configurazione.conf

oppure creando manualmente il relativo collegamento:

# ln -s /etc/apache2/conf-available/mia_configurazione.conf /etc/apache2/conf-enabled/mia_configurazione.conf

Similmente per disabilitare una configurazione

# a2disconf mia_configurazione.conf

oppure rimuovere manualmente il suddetto collegamento simbolico:

# rm /etc/apache2/conf-enabled/mia_configurazione.conf

/etc/apache2/sites-available/

Questa cartella permette di specificare le configurazioni dei propri siti internet (virtual-hosts) attraverso la dichiarazione di blocchi virtualhost

<VirtualHost indirizzo:porta>
    ...
</VirtualHost>

È possibile dichiarare tutti i propri siti in un unico file di configurazione oppure creare tanti file di configurazione quanti sono i virtualhost (siti) da servire.
In debian l'installazione base di Apache crea e abilita in automatico due file di configurazione:

000-default.conf
default-ssl.conf

Entrambi i file specificano una configurazione per un virtualhost predefinito costituito da un unico file, cioè /var/www/html/index.html. La differenza tra i due è semplicemente dovuta al tipo di protocollo usato per servire le pagine:

Se l'installazione di Apache è andata a buon fine e se la macchina su cui è in esecuzione il webserver è accessibile dalla propria LAN allora il predetto sito dovrebbe risultare accessibile e quindi visibile semplicemente inserendo in un browser l'indirizzo http://indirizzo_IP_webserver/.
Se ad esempio l'indirizzo IP di tale macchina fosse 192.168.0.1 allora nel browser sarebbe necessario digitare http://192.168.0.1/ (oppure anche solo http://localhost/ se si sta utilizzando il browser sulla stessa macchina del webserver).
La pagina visualizzata, cioè index.html, è estremamente semplice e inizia così:

Apache2 Debian Default Page
It works!
This is the default welcome page used to test the correct operation of the Apache2 server after installation on Debian systems.

Esempio file.conf

Una volta verificato che la pagina predefinita viene caricata è possibile procedere a scrivere i propri file di configurazione. Di seguito un esempio minimale per un sito web chiamato mio_sito.conf, che come già detto deve essere salvato in /etc/apache2/sites-available/.

<VirtualHost *:80>
	ServerName mio_sito.home.lan
 	ServerAlias alias1.home.lan alias2.ciao.abc mio_sito
	DocumentRoot "/var/www/cartella_mio_sito/"
	DirectoryIndex pagina_principale.html
	<Directory "/var/www/mio_sito">
	 	Require ip 127.0.0.0/8
		Require ip 192.168.0.0/16
	</Directory>
</VirtualHost>

Spiegazione delle direttive usate:

Attivare/disattivare un virtualhost

Una volta salvato il proprio file .conf è necessario abilitarlo tramite il comando a2ensite

# a2ensite mio_sito.conf

oppure creando manualmente un collegamento simbolico nella cartella /etc/apache2/sites-enabled/

# ln -s /etc/apache2/sites-available/mio_sito.conf /etc/apache2/sites-enabled/mio_sito.conf

quindi ricordarsi di riavviare Apache per rendere effettivamente disponibile il sito web.

Similmente per disattivare un sito web è possibile o usare il comando a2dissite

# a2dissite mio_sito.conf

o rimuovere manualmente il relativo collegamento simbolico

# rm /etc/apache2/sites-enabled/mio_sito.conf

e quindi riavviare Apache.

Attivare/disattivare un modulo

Come già anticipato Apache è un applicativo altamente modulare, pertanto posto di avere già installato un certo modulo di proprio interesse è possibile attivarlo col comando

# a2enmod nome_modulo

e similmente disattivarlo con

# a2dismod nome_modulo

Certificati SSL (https)

Come già accennato in precedenti sezioni di questa guida è necessario installare un certificato SSL perché un certo sito internet possa essere servito tramite protocollo https.
Per webserver esclusivamente operanti nella propria LAN è possibile creare e firmare manualmente tutti i certificati che si vogliono, mentre se si vuole ottenere un certificato per un dominio pubblico (già in possesso dell'utente) è necessario farne richiesta ad una certificate authority (CA).
In entrambi i casi le operazioni da effettuare non sono esattamente banali, grazie al lavoro di due fondazioni senza scopo di lucro è stato perfezionato uno strumento che permette di ottenere certificati SSL (compresi i cosidetti wildcard certificates) in maniera gratuita e notevolmente semplificata. La fondazioni sono la Electronic Frontier Foudation responsabile dello sviluppo dello strumento certbot e let's encrypt che fornisce gratuitamente i certificat SSL.

Certbot

Premessa

Nel seguito di questa sezione si faranno le seguenti ipotesi:

Installazione e configurazione

Per prima cosa è necessario installare i seguenti pacchetti

# apt install certbot python-certbot-apache

quindi attivare i seguenti moduli:

# a2enmod a2enmod headers ssl

Se tutto quanto scritto in precedenza è andato a buon fine allora è possibile digitare un comando del tipo

# certbot --apache -d ind1.mio_dominio.abc,ind2.mio_dominio.abc,ind3.mio_dominio.abc ...

dove l'utente specifica tutti i domini che vuole siano coperti da un unico certificato.

Info.png IMPORTANTE
Tutti i domini specificati devono essere stati dichiarati ciascuno come ServerName di un diverso virtualhost.

Nel caso di singolo dominio e riprendendo l'esempio fatto precedentemente il comando diviene

# certbot -d ind1.mio_dominio.abc

Lo strumento proporrà innanzitutto tre domande

Saving debug log to /var/log/letsencrypt/letsencrypt.log
Plugins selected: Authenticator apache, Installer apache
Enter email address (used for urgent renewal and security notices) (Enter 'c' to
cancel): 

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Please read the Terms of Service at
https://letsencrypt.org/documents/LE-SA-v1.2-November-15-2017.pdf. You must
agree in order to register with the ACME server at
https://acme-v02.api.letsencrypt.org/directory
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
(A)gree/(C)ancel: A

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Would you be willing to share your email address with the Electronic Frontier
Foundation, a founding partner of the Let's Encrypt project and the non-profit
organization that develops Certbot? We'd like to send you email about our work
encrypting the web, EFF news, campaigns, and ways to support digital freedom.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
(Y)es/(N)o: 

Dopo di che se la configurazione è andata a buon fine restituirà qualcosa di simile a

Saving debug log to /var/log/letsencrypt/letsencrypt.log
Plugins selected: Authenticator apache, Installer apache
Obtaining a new certificate
Performing the following challenges:
http-01 challenge for ind1.mio_dominio.abc
Enabled Apache rewrite module
Waiting for verification...
Cleaning up challenges
Created an SSL vhost at /etc/apache2/sites-available/mio_sito-le-ssl.conf
Deploying Certificate to VirtualHost /etc/apache2/sites-available/mio_sito-le-ssl.conf
Enabling available site: /etc/apache2/sites-available/mio_sito-le-ssl.conf

e quindi porrà la seguente domanda:

Please choose whether or not to redirect HTTP traffic to HTTPS, removing HTTP access.                                             
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -                                                   
1: No redirect - Make no further changes to the webserver configuration.
2: Redirect - Make all requests redirect to secure HTTPS access. Choose this for                                                  
new sites, or if you're confident your site works on HTTPS. You can undo this                                                     
change by editing your web server's configuration.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -                                                   
Select the appropriate number [1-2] then [enter] (press 'c' to cancel): 

Se si risponde due sarà onere dell'utente modificare opportunamente i file conf del proprio sito web, viceversa rispondendo "2" sarà visualizzato qualcosa di simile a quanto segue:

Enabled Apache rewrite module                                                                                                     
Redirecting vhost in /etc/apache2/sites-enabled/mio_sito.conf to ssl vhost in /etc/apache2/sites-available/mio_sito-le-ssl.conf

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Congratulations! You have successfully enabled https://ind1.mio_dominio.abc

You should test your configuration at:
https://www.ssllabs.com/ssltest/analyze.html?d=ind1.mio_dominio.abc
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

IMPORTANT NOTES:
 - Congratulations! Your certificate and chain have been saved at:
   /etc/letsencrypt/live/ind1.mio_dominio.abc/fullchain.pem
   Your key file has been saved at:
   /etc/letsencrypt/live/ind1.mio_dominio.abc/privkey.pem
   Your cert will expire on 2019-08-24. To obtain a new or tweaked
   version of this certificate in the future, simply run certbot again
   with the "certonly" option. To non-interactively renew *all* of
   your certificates, run "certbot renew"
 - If you like Certbot, please consider supporting our work by:

   Donating to ISRG / Let's Encrypt:   https://letsencrypt.org/donate
   Donating to EFF:                    https://eff.org/donate-le

Si supponga ora che il file conf di partenza fosse:

<VirtualHost *:80>
	ServerName ind1.ciao.abc
	DocumentRoot "/var/www/cartella_mio_sito/"
	DirectoryIndex pagina_principale.html
</VirtualHost>

Al termine delle operazione il file di partenza mio_sito.conf risulterà alterato come segue:

<VirtualHost *:80>
	ServerName ind1.ciao.abc
	DocumentRoot "/var/www/cartella_mio_sito/"
	DirectoryIndex pagina_principale.html
        RewriteEngine on
        RewriteCond %{SERVER_NAME} =ind1.ciao.abc
        RewriteRule ^ https://%{SERVER_NAME}%{REQUEST_URI} [END,NE,R=permanent]
</VirtualHost>

Contestualmente sarà stato creato un secondo file conf di nome mio_sito-le-ssl.conf:

<IfModule mod_ssl.c>
    <VirtualHost *:443>
        ServerName ind1.ciao.abc
        DocumentRoot "/var/www/cartella_mio_sito/"
        DirectoryIndex pagina_principale.html
        SSLCertificateFile /etc/letsencrypt/live/ind1.ciao.abc/fullchain.pem
        SSLCertificateKeyFile /etc/letsencrypt/live/ind1.ciao.abc/privkey.pem
        Include /etc/letsencrypt/options-ssl-apache.conf
    </VirtualHost>
</IfModule>

In sintesi quello che succede è che il file di conf originale, cioè mio_sito.conf, viene modificato in modo da reindirizzare tutte le richieste dirette al virtualhost configurato sulla porta 80 a quello sulla porta 443, ovvero ogni richiesta http viene automaticamente convertita in una https.
Se non si avesse alcun interesse a mantenere il virtualhost sulla porta 80 si può disabilitare/eliminare il file mio_sito.conf senza problemi, tuttavia è bene sapere che tutte le richieste http non verranno più inoltrate automaticamente su https, quindi l'utente si vedrà restituire dal webserver un errore 403 Forbidden (è quindi fondamentale che chi già fruiva in precedenza del sito sia informato del cambio).

Rinnovo dei certificati

Certbot permette di rinnovare in automatico tutti i propri certificati con il comando certbot renew. Per testare subito che il predetto comando funzioni è possibile usare l'opzione --dry-run, ovvero:

# certbot renew --dry-run

che in caso di successo dovrebbe restituire qualcosa di simile a:

Saving debug log to /var/log/letsencrypt/letsencrypt.log

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Processing /etc/letsencrypt/renewal/ind1.mio_dominio.abc.conf
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Cert not due for renewal, but simulating renewal for dry run
Plugins selected: Authenticator apache, Installer apache
Renewing an existing certificate
Performing the following challenges:
http-01 challenge for ind1.mio_dominio.abc
Waiting for verification...
Cleaning up challenges

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
new certificate deployed with reload of apache server; fullchain is
/etc/letsencrypt/live/ind1.mio_dominio.abc/fullchain.pem
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
** DRY RUN: simulating 'certbot renew' close to cert expiry
**          (The test certificates below have not been saved.)

Congratulations, all renewals succeeded. The following certs have been renewed:
  /etc/letsencrypt/live/ind1.mio_dominio.abc/fullchain.pem (success)
** DRY RUN: simulating 'certbot renew' close to cert expiry
**          (The test certificates above have not been saved.)
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

IMPORTANT NOTES:
 - Your account credentials have been saved in your Certbot
   configuration directory at /etc/letsencrypt. You should make a
   secure backup of this folder now. This configuration directory will
   also contain certificates and private keys obtained by Certbot so
   making regular backups of this folder is ideal.

A questo punto è possibile automatizzare il processo di rinnovo inserendo in crontab il comando certbot renew -q, visto che i certificati NON saranno rinnovati a meno che non siano prossimi alla scadenza (l'opzione -q permette di sopprimere l'output del comando, fatta eccezione per eventuali errori).
Per esempio volendo ripetere la verifica ogni 10 del mese alla 1:30 la riga da inserire in crontab sarebbe:

30 1 10 * * /usr/bin/certbot renew -q

Errori

Apache non raggiungibile

Se per una qualsiasi ragione il proprio webserver non risultasse raggiungibile dall'esterno la pocedurà fallirà mostrando qualcosa di simile a quanto segue:

Obtaining a new certificate
Performing the following challenges:
http-01 challenge for mio_dominio.abc
http-01 challenge for ind1.mio_dominio.abc
Enabled Apache rewrite module
Waiting for verification...
Cleaning up challenges
Failed authorization procedure. mio_dominio.abc (http-01): urn:ietf:params:acme:error:connection :: The server could not connect to the client to verify the domain :: Fetching http://mio_dominio.abc/.well-known/acme-challenge/stringa_di_vari_caratteri: Connection refused, ind1.mio_dominio.abc (http-01): urn:ietf:params:acme:error:connection :: The server could not connect to the client to verify the domain :: Fetching http://ind1.mio_dominio.abc/.well-known/acme-challenge/stringa_di_vari_caratteri: Connection refused

IMPORTANT NOTES:
 - The following errors were reported by the server:

   Domain: mio_dominio.abc
   Type:   connection
   Detail: Fetching
   http://mio_dominio.abc/.well-known/acme-challenge/stringa_di_vari_caratteri:
   Connection refused

   Domain: ind1.mio_dominio.abc
   Type:   connection
   Detail: Fetching
   http://ind1.mio_dominio.abc/.well-known/acme-challenge/stringa_di_vari_caratteri:
   Connection refused

   To fix these errors, please make sure that your domain name was
   entered correctly and the DNS A/AAAA record(s) for that domain
   contain(s) the right IP address. Additionally, please check that
   your computer has a publicly routable IP address and that no
   firewalls are preventing the server from communicating with the
   client. If you're using the webroot plugin, you should also verify
   that you are serving files from the webroot path you provided.
 - Your account credentials have been saved in your Certbot
   configuration directory at /etc/letsencrypt. You should make a
   secure backup of this folder now. This configuration directory will
   also contain certificates and private keys obtained by Certbot so
   making regular backups of this folder is ideal.

Risoluzione problemi

Prima di ogni altra cosa verificare lo stato del demone di Apache attraverso il comando:

# systemctl status apache2

Il passo immediatamente successivo è visualizzare il log dell'attività di Apache, che è generalmente esauriente, ad esempio digitando il comando:

# cat /var/log/syslog | grep 'apache'

Approfondimenti

Manpages

Sitografia




Guida scritta da: Wtf 16:50, 26 mag 2019 (CEST)

Swirl-auth20.png Debianized 20%

Estesa da:
Verificata da:

Verificare ed estendere la guida | Cos'è una guida Debianized

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Risorse
Strumenti